Skip to content

L'avvento dei nuovi media e le strategie difensive dei mezzi di comunicazione di massa

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Pasotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: Trade marketing e strategie commerciali
  Relatore: Cristina Ziliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

E’ lapalissiano sostenere che il mercato della comunicazione sia un mercato altamente dinamico che risenta appieno dei cambiamenti che avvengono nell’ambito macro-sociale. È altrettanto palese confermare la netta crescita dei nuovi mezzi di comunicazione, da Internet al cellulare, passando attraverso l’i-pod e la vita digitale su web. Sarebbe più utile cercare di capire come e quanto i media tradizionali vanno trasformandosi sotto la spinta
della competizione innescata dai mezzi nuovi ed interattivi. Ma la sfida ai mass media viene posta anche da altri ambiti, primo fra tutti il mondo del retailing, quindi dalla grande distribuzione. Infatti, nei luoghi di consumo, sempre più luoghi di svago e di intrattenimento, si genera un traffico considerevole. L’insegna Conad deteneva, nel 2005, un numero di carte fedeltà superiore a tre milioni. Il maggiore retailer degli Stati Uniti e del mondo, il gruppo Wal Mart, segnala che nel corso di quattro settimane di apertura dei suoi
2.400 punti vendita transitano 133 milioni di consumatori e ciò rende assimilabile tale visibilità al reach che potrebbe ottenere un efficace spot televisivo. Sono circa 90 milioni i visitatori quotidiani dei punti vendita statunitensi, mentre i più noti siti web e portali sono in grado di generare dai dieci ai cinquanta milioni di contatti su base giornaliera. Sono dati da non sottovalutare sia in termini di ampiezza dell’audience raggiunta ma anche in virtù dell‘impatto della comunicazione veicolata in store, poiché questa ha il vantaggio di essere esperienziale, di essere vissuta direttamente (non essendo veicolata da alcun medium), con una maggiore efficacia potenziale e un maggiore ricordo generato. Le opportunità di sviluppo del micromarketing in ambito retail sono legate alla diffusione delle fidelity card (le quali consentono la raccolta dei dati socio-anagrafici e comportamentali) e alle tecnologie quali i pos-scanner (dai quali si ricavano informazioni circa i comportamenti d‘acquisto).
Competitor dei mass media sono anche i c.d. mini media come pure i non conventional media, spesso legati a strategie di guerrilla marketing; queste godono del vantaggio di generare un forte impatto sul pubblico, frutto dell’effetto sorpresa che essi sanno suscitare. Ma principalmente, nel nuovo ed attuale contesto, il mercato della comunicazione e dell’informazione è rivoluzionato dalla presenza di media di nuova generazione, le cui peculiarità attengono all’interattività, alla possibilità di personalizzazione dei contenuti, alla multimedialità ed al formato ipertestuale. La multimedialità è il fenomeno in virtù del quale lo spettatore/ascoltatore può decidere se ottenere le notizie tramite la lettura del giornale, la veloce occhiata data alla free press o su Internet, acquistando il servizio sul telefono cellulare ma anche leggendo la versione digitale del tradizionale quotidiano. Anche la radio è fruibile sia in versione analogica, e quindi “alla vecchia maniera”, ma anche attraverso la Rete, in versione digitale, ovvero grazie al lettore Mp3.
Il diffondersi dei new media – che vedono Internet e la telefonia cellulare quale punta dell’iceberg – è un evento così pervasivo e dirompente da aver provocato un profondo cambiamento dell’intero mercato della comunicazione, ma non solo; tale cambiamento è avvenuto abbattendo i tradizionali confini settoriali. Così, il fenomeno della convergenza tra mercati ha provocato un allargamento della concorrenza ed ha reso, ad esempio, Internet competitor della radio, la musica digitale concorrente alla televisione analogica. È in continua crescita la porzione del tempo dedicata al consumo dei media, digitali ovviamente, così come cresce l’attenzione prestata ai videogame ed ai consumi legati all’entertainment in generale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione E’ lapalissiano sostenere che il mercato della comunicazione sia un mercato altamente dinamico che risenta appieno dei cambiamenti che avvengono nell’ambito macro-sociale. È altrettanto palese confermare la netta crescita dei nuovi mezzi di comunicazione, da Internet al cellulare, passando attraverso l’i-pod e la vita digitale su web. Sarebbe più utile cercare di capire come e quanto i media tradizionali vanno trasformandosi sotto la spinta della competizione innescata dai mezzi nuovi ed interattivi. Ma la sfida ai mass media viene posta anche da altri ambiti, primo fra tutti il mondo del retailing, quindi dalla grande distribuzione. Infatti, nei luoghi di consumo, sempre più luoghi di svago e di intrattenimento, si genera un traffico considerevole. L’insegna Conad deteneva, nel 2005, un numero di carte fedeltà superiore a tre milioni. Il maggiore retailer degli Stati Uniti e del mondo, il gruppo Wal Mart, segnala che nel corso di quattro settimane di apertura dei suoi 2.400 punti vendita transitano 133 milioni di consumatori e ciò rende assimilabile tale visibilità al reach che potrebbe ottenere un efficace spot televisivo. Sono circa 90 milioni i visitatori quotidiani dei punti vendita statunitensi, mentre i più noti siti web e portali sono in grado di generare dai dieci ai cinquanta milioni di contatti su base giornaliera. Sono dati da non sottovalutare sia in termini di ampiezza dell’audience raggiunta ma anche in virtù dell‘impatto della comunicazione veicolata in store, poiché questa ha il vantaggio di essere esperienziale, di essere vissuta direttamente (non essendo veicolata da alcun medium), con una maggiore efficacia potenziale e un maggiore ricordo generato. Le opportunità di sviluppo del micromarketing in ambito retail sono legate alla diffusione delle fidelity card (le quali consentono la raccolta dei dati socio-anagrafici e comportamentali) e alle tecnologie quali i pos-scanner (dai quali si ricavano informazioni circa i comportamenti d‘acquisto). Competitor dei mass media sono anche i c.d. mini media come pure i non conventional media, spesso legati a strategie di guerrilla marketing; queste godono del vantaggio di generare un forte impatto sul pubblico, frutto dell’effetto sorpresa che essi sanno suscitare. Ma principalmente, nel nuovo ed attuale contesto, il mercato della comunicazione e dell’informazione è rivoluzionato dalla presenza di media di nuova generazione, le cui peculiarità attengono all’interattività, alla possibilità di personalizzazione dei contenuti, alla multimedialità ed al formato ipertestuale. La multimedialità è il fenomeno in virtù del quale lo spettatore/ascoltatore può decidere se ottenere le notizie tramite la lettura del giornale, la veloce occhiata data alla free press o su Internet, acquistando il servizio sul telefono cellulare ma anche leggendo la versione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi