Skip to content

La legge sull'affidamento condiviso: nuove soluzioni per un riconoscimento effettivo del diritto alla bigenitorialità

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Cappello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Raffaella Pasquili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

L'elaborato si occupa di analizzare la legge 54/2006 e l'istituto dell'affidamento condiviso da essa introdotto. Nello specifico si è cercato di delineare quale impatto abbia avuto questa importante riforma nell'assetto dei rapporti tra genitori e figli nell'ipotesi di crisi della famiglia e quale contributo essa abbia apportato nell'affermare il diritto dei figli minori alla bigenitorialità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Dopo un lungo e acceso dibattito, protrattosi per tutta la XIV legislatura (è, infatti, datata 30 maggio 2001 la prima proposta di legge ad opera dell’On. Tarditi), il 26 febbraio dello scorso anno il Senato ha definitivamente licenziato la legge n. 54, rubricata “Nuove norme in materia di separazione dei coniugi e affidamento condiviso dei figli", che secondo i suoi compilatori rappresenta la <<riforma più importante del diritto di famiglia dopo quella del 1975>> 1 . Ciò che ha reso così complesso l’iter formativo della legge ma che, alla fine, ha anche permesso di arrivare alla approvazione con una maggioranza trasversale agli schieramenti, è stato l’argomento della riforma che per la sua importanza e delicatezza ha richiesto un dibattito attento che prescindesse da ragioni di tipo puramente politico. Infatti, ogni qualvolta in Parlamento si affrontano temi che toccano così da vicino la persona umana, si può osservare, da una parte, l’esistenza di forti contrasti motivati dai diversi punti di vista culturali, etici e religiosi, ma, dall’altra, anche la volontà di superare la logica della contrapposizione partitica per arrivare ad una riflessione che sia il più possibile profonda e condivisa. Nucleo centrale della riforma è il nuovo rapporto genitori-figli nella fase patologica del matrimonio, cioè nei casi di separazione e divorzio, nonché nei casi di cessazione degli effetti civili e di nullità. Inoltre, vale la pena di anticiparlo, la disciplina novellata si applica anche ai procedimenti che coinvolgono figli di genitori non coniugati. Secondo la nuova impostazione il rapporto genitori-figli derivante dalla crisi coniugale non sarà più monogenitoriale (come in precedenza avveniva nella totalità dei casi, dato che la giurisprudenza in maniera compatta era orientata a favore dell’affidamento esclusivo), bensì bigenitoriale. Già da tempo la dottrina aveva evidenziato la necessità di rivedere le norme sull’affidamento alla luce del principio della bigenitorialità, implicitamente richiamato nell’art. 30, comma 1°, Cost., ed affermato nell’art. 9 della Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989, ratificata dall’Italia con la legge 176/91, nonché nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione. Il legislatore, grazie anche alle forti pressioni delle associazioni di padri separati, ha approvato, infine, una riforma che non incide solo sulle disposizioni in materia di potestà ed affidamento, ma più in generale investe tutti gli aspetti giuridici ed economici del rapporto genitori e figli. Questa legge rappresenta quindi una vera e propria rivoluzione per il diritto di famiglia, e per essere apprezzata come tale, soprattutto in questa prima fase applicativa, richiede un esame a tutto tondo. Infatti, potrebbe essere riduttivo soffermarsi solo su alcune delle innovazioni apportate, senza considerare, anche solo parzialmente, tutte le problematiche che la nuova 1 Così l’On. Baio Dossi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affidamento condiviso
affidamento esclusivo
assegnazione della casa familiare
bigenitorialità
l. 54/2006
mantenimento diretto
nuove norme procedurali
problemi di compatibilità costituzionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi