Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Countdown zum 21. Jahrhundert'' - Friedensreich Hundertwasser: Mediatore tra Uomo e Natura

Friedensreich Hundertwasser, artista viennese noto in tutto il mondo, fu una delle figure più popolari, controverse e bizzarre della scena artistica internazionale del XX secolo.
Dotato di una personalità eclettica e fuori dal comune, nonché tormentato continuamente da un dualismo interiore, egli era convinto che la vita fosse formata da livelli concentrici, strati che circondavano l’uomo esattamente come “pelli”. Queste pelli rappresentavano il livello di consapevolezza che ciascun individuo aveva del mondo ed erano essenzialmente cinque: l’epidermide, i vestiti, la casa, l’identità sociale e nazionale e l’ambiente naturale.
Nel corso della sua vita Hundertwasser si occupò gradualmente di ognuna di queste pelli, assumendo i panni del pittore, del “medico dell’architettura”, del pacifista e dell’ecologista.
Tre cose erano per lui veramente importanti: la natura, per la quale rivendicava rispetto; l’uomo al quale cercò di indicare la strada della creatività e della bellezza, esortandolo ad affermare la propria unicità e diversità e a reagire contro ogni forma di totalitarismo, compresa l’architettura razionale, da lui particolarmente odiata; ed infine l’armonia tra creatività spontanea dell’uomo e creatività spontanea della natura come unica strada per realizzare, anche sulla Terra, il paradiso.
Oltre a descrivere la personalità dell’artista e gli eventi più significativi che hanno segnato il suo cammino (cap. 1), a presentare e a spiegare i punti essenziali della sua teoria architettonica e del suo impegno sociale (cap. 2), e a delineare infine il suo impegno pacifista ed ecologico (cap. 3), questa tesi mira a fornire un’interpretazione diversa di Friedensreich Hundertwasser: lui come mediatore tra uomo e natura, ovvero come colui che fa sì che due realtà diverse, appunto l’uomo e la natura, si unifichino nel rispetto delle reciproche differenze ed esigenze.
Le idee di Hundertwasser, i suoi discorsi e i suoi manifesti risalgono ad un periodo in cui una coscienza ecologica e pacifista ancora non esisteva, e pertanto fanno di lui uno dei precursori del movimento ambientalista. Oggi, nell’epoca dello case ecocompatibili e delle sviluppo sostenibile, della quale Hundertwasser con il suo Monumento per il conto alla rovescia per il XI sec. (dal tedesco Denkmal für den Countdown zum 21. Jahrhundert, da cui il titolo di questa tesina) aveva annunciato l’avvento, le sue teorie sono più che mai attuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Friedensreich Hundertwasser, artista viennese noto in tutto il mondo, fu una delle figure più popolari, controverse e bizzarre della scena artistica internazionale del XX secolo. Dotato di una personalità eclettica e fuori dal comune, nonché tormentato continuamente da un dualismo interiore, egli era convinto che la vita fosse formata da livelli concentrici, strati che circondavano l’uomo 1 esattamente come “pelli”. Queste pelli rappresentavano il livello di consapevolezza che ciascun individuo aveva del mondo ed erano essenzialmente cinque: l’epidermide, i vestiti, la casa, l’identità sociale e nazionale e l’ambiente naturale. Nel corso della sua vita Hundertwasser si occupò gradualmente di ognuna di queste pelli, assumendo i panni del pittore, del “medico dell’architettura”, del pacifista e dell’ecologista. Tre cose erano per lui veramente importanti: la natura, per la quale rivendicava rispetto; l’uomo al quale cercò di indicare la strada della creatività e della bellezza, esortandolo ad affermare la propria unicità e diversità e a reagire contro ogni forma di totalitarismo, compresa l’architettura razionale, da lui particolarmente odiata; ed infine l’armonia tra creatività spontanea dell’uomo e creatività spontanea della natura come unica strada per realizzare, anche sulla Terra, il paradiso. Oltre a descrivere la personalità dell’artista e gli eventi più significativi che hanno segnato il suo cammino (cap. 1), a presentare e a spiegare i punti essenziali della sua teoria architettonica e del suo impegno sociale (cap. 2), e a delineare infine il suo impegno pacifista ed ecologico (cap. 3), questa tesi mira a fornire un’interpretazione diversa di Friedensreich Hundertwasser: lui come mediatore tra uomo e natura, ovvero come colui che fa sì che due realtà diverse, appunto l’uomo e la natura, si unifichino nel rispetto delle reciproche differenze ed esigenze. Le idee di Hundertwasser, i suoi discorsi e i suoi manifesti risalgono ad un periodo in cui una coscienza ecologica e pacifista ancora non esisteva, e pertanto fanno di lui uno dei precursori del movimento ambientalista. Oggi, nell’epoca dello case ecocompatibili e delle sviluppo sostenibile, della quale Hundertwasser con il suo Monumento per il conto alla rovescia per il XI sec. (dal tedesco Denkmal für den Countdown zum 21. Jahrhundert, da cui il titolo di questa tesina) aveva annunciato l’avvento, le sue teorie sono più che mai attuali. 1 Siccome la lingua italiana non prevede espressioni neutre che comprendano entrambi i sessi, nel discorso che segue mi limiterò ad utilizzare la parola uomo, nella sua accezione più ampia di “essere umano”, senza alcun riferimento al sesso.

Laurea liv.I

Facoltà: Facoltà di Interpretariato e Traduzione

Autore: Valeria Armiento Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2717 click dal 04/09/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.