Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La raccolta bancaria in Italia: un confronto tra attività al dettaglio e all’ingrosso

In questo lavoro verrà analizzata la raccolta bancaria; in particolare si osservano quelle che possono essere considerate le due caratteristiche più importanti della raccolta cioè, composizione e costi. Verranno prese in considerazione anche delle situazioni reali e, in particolare, l’andamento della raccolta in Italia.
Oltre a ciò, si cercherà di fare una panoramica sulla raccolta a livello regionale, per evidenziare eventuali differenze. A tal fine verranno presi in esame i dati pubblicati periodicamente da Banca d’Italia sull’economia italiana.
Nell’ultima parte del lavoro si metteranno in evidenza le differenze tra due banche operanti l’una all’ingrosso e l’altra al dettaglio, per capire come il management delle due abbia definito gli obiettivi di raccolta sulla base dei più ampi obiettivi aziendali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa In questo lavoro verrà analizzata la raccolta bancaria, fonte di risorse per l’attività delle banche. L’analisi che verrà effettuata si baserà in particolare sullo studio di quelle che possono essere considerate le due caratteristiche più importanti della raccolta cioè, composizione e costi. Proprio partendo dall’analisi di queste due variabili si cercherà di capire come il management della banca può modificare la raccolta per renderla coerente con gli obiettivi programmati. A questo proposito verrà dapprima effettuata un’analisi della raccolta a livello teorico. Una volta compresi i meccanismi che influiscono sulle scelte del management, verranno prese in considerazione delle situazioni reali e, in particolare, l’andamento della raccolta in Italia. Nella prima parte del lavoro saranno analizzati gli obiettivi delle politiche di raccolta, punto critico nella gestione, in cui il management deve saper tradurre gli stimoli derivanti dall’ambiente esterno e conciliare le proprie scelte con quanto programmato. Inoltre, verranno elencati gli strumenti tecnici per tradurre questi obiettivi in vere e proprie politiche di raccolta. La seconda parte del lavoro si propone invece di esporre lo scenario macroeconomico della raccolta in Italia negli ultimi anni, mettendo in luce la composizione e i costi che caratterizzano questa risorsa nel nostro Paese. Oltre a ciò, si cercherà di fare una panoramica sulla raccolta a livello regionale, per evidenziare eventuali differenze. A tal fine verranno presi in esame i dati pubblicati periodicamente da Banca d’Italia sull’economia italiana. Nell’ultima parte del lavoro si metteranno in evidenza le differenze tra due banche operanti l’una all’ingrosso e l’altra al dettaglio, per capire come il management delle due abbia definito gli obiettivi di raccolta sulla base dei più ampi obiettivi aziendali. Nel fare ciò, bisognerà tener conto delle variabili che influiscono sulla composizione e sui costi della raccolta, cercando però prima di capire quali siano e in che modo possono influire su tali decisioni.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Sampaolesi Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1927 click dal 30/08/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.