Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare il turismo: viaggio e ospitalità nell'era globale

Esiste un profondo legame tra il turismo e la comunicazione. Prima di tutto perché già il turismo è una forma di comunicazione: con gli altri e con se stessi.
Il viaggio è proprio del genere umano; tutta la storia è fatta di viaggi, esplorazioni, conquiste, nomadismi.
Il prodotto turistico può essere definito un sogno; è evidente come in questo settore, più che in altri, una comunicazione efficace debba far leva su elementi dell’inconscio: il comunicatore coglie il sogno evocando immagini e suggestioni e lo traduce in azione. Se poi egli riesce addirittura a creare il sogno, ovvero a far entrare una meta turistica nell’immaginario, allora raggiunge il più alto obiettivo.
I tragici avvenimenti dell’11 settembre 2001 hanno infondato la paura del viaggio e il turismo da allora vive la più grave crisi della storia. Nasce la domanda cui è difficile rispondere: si viaggerà in futuro? Se sì, come?
Questi aspetti generali del fenomeno turistico costituiscono la parte introduttiva del mio lavoro.
Nella seconda ho cercato di analizzare i caratteri del turismo nella realtà locale varesina. La Provincia di Varese ha una vocazione turistica e presenta grandi potenzialità, sotto il profilo naturalistico e culturale, finora non valorizzate. Nel 2002 uno studio voluto dalla Provincia, ha evidenziato le problematiche del territorio, carente in strutture per l’ospitalità. Importanti obiettivi sono stati definiti, al fine di incentivare il turismo d’affari e di affermare Varese come città congressuale. Il turismo può rappresentare un’attività economica fondamentale e portare grandi benefici, come la creazione di un indotto.
La terza parte, più tecnica, è dedicata alle strategie di marketing per il lancio di un’impresa alberghiera, sulla base del tirocinio svolto presso l’Hotel Chateau Porro Pirelli di Induno Olona. Il complesso, costituito da albergo, ristoranti e centro congressuale, sembra rispondere perfettamente alle esigenze del territorio varesino.
A questo si lega l’appendice finale, che si concentra un po’ più nel dettaglio sul turismo congressuale, tipologia turistica in forte espansione, non solo nella nostra zona, ma a livello nazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA  Tutti  almeno  una  volta  nella  vita  abbiamo  sognato  posti  lontani  ruotando  un  mappamondo o muovendo l’indice sopra una cartina geografica.  L’uomo si è sempre chiesto che cosa ci fosse oltre l’orizzonte: la migrazione è scritta  nei  suoi  geni.  In  fondo  la  storia  stessa  è  fatta  di  viaggi,  esplorazioni,  conquiste,  nomadismi e pellegrinaggi.  Esiste un profondo legame tra il turismo e la comunicazione.  Prima di tutto perché il turismo è una forma di comunicazione: con gli altri e con se  stessi.  Nella prima parte del mio lavoro ho cercato di individuare, a grandi linee, gli aspetti  fondamentali del  fenomeno turistico; nella seconda ho analizzato  la realtà turistica  della Provincia di Varese; la terza parte, infine, è dedicata alle strategie di marketing  per  un’impresa  alberghiera,  sulla  base  del  tirocinio  svolto  presso  l’Hotel  Château  Porro Pirelli di Induno Olona. 

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Luana Castiglioni Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6607 click dal 21/09/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.