Skip to content

Progetto per un acquario marino mediterraneo a Civitavecchia

Informazioni tesi

  Autore: Pierpaolo Vergati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Edile- Architettura
  Relatore: Ruggero Rondinella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 242

Partendo da un attenta analisi di inquadramento urbanistico e storico, si è proceduto all'analisi sistematica della tipologia architettonica. Successivamente si è approfondita la tematica compositiva di un acquario marino ipotizzando uno schema di percorsi pubblici e privati congruo con la disposizione delle vasche e delle aree tematiche. Una volta stabiliti i caratteri compositivi del progetto, si è approfondito alla progettazione esecutiva di dettaglio delle strutture, delle vasche giganti, del sistema impiantistico idraulico e di compatibilità energetica e relativi consumi di gestione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 • Premessa All’atto dell’approvazione della legge di riforma della portualità italiana del 1994 e la conseguente istituzione dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, è stato realizzato un vasto programma di riqualificazione ed ampliamento del Porto sulla base del piano regolatore generale portuale. Il protocollo d’intesa firmato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, in data 11 dicembre 1996 e firmato dal Ministro dei Trasporti, dal Ministro dei Lavori Pubblici, dal Ministro dell’Ambiente, dal Ministro dei Beni Culturali, dal Ministro delle Finanze, dal Ministro della Difesa, dal presidente della Regione Lazio, dal presidente della Provincia di Roma, dall’allora sindaco del comune di Civitavecchia, dall’Amministratore Delegato delle FS e dal presidente dell’ANAS, prevedeva un sistema integrato di trasporto nel corridoio tirrenico con epicentro proprio lo scalo laziale. Il protocollo individuava una serie di interventi, con relative fonti di finanziamento, finalizzati a contribuire ad una estensione delle capacità ricettive ed ad un aumento della competitività nell’ambito del trasporto marittimo sia merci che passeggeri. Il Porto, grazie agli interventi così programmati, è stato diviso in due macro aree dalle dinamiche di mercato diverse: una zona a Sud, in corrispondenza del porto storico e rinascimentale, comprendente la diga foranea “Cristoforo Colombo”, totalmente destinata al traffico passeggeri e crociere ed una zona a Nord, da realizzare e riqualificare, destinata al traffico merci e general cargo. Il grande Giubileo dell’anno 2000 è stato uno dei perni su cui fare leva per gli obiettivi strategici: sia per quanto attiene alle fonti di finanziamento ed investimento, sia per le prospettive competitive dello scalo nel secondo millennio. Il grande evento religioso e mediatico, oltre a far prefigurare un elevato numero di navi di fedeli con destinazione Roma e, di conseguenza, ad interventi infrastrutturali orientati alla realizzazione di spazi e banchine idonee al ricevimento di un numero esponenzialmente incrementato di navi e passeggeri, ha fatto da traino ad un fenomeno già osservato nel mercato crocieristico dal 1993: un graduale ma inesorabile spostamento dell’epicentro del mercato, fino ad allora localizzato nel mar dei Caraibi, al Mediterraneo. Fu chiaro fin da subito che la vocazione e la naturale posizione del porto di Civitavecchia poggiava su una radicale e repentina trasformazione in scalo leader delle crociere quale porto di Roma per la sua eccellente posizione baricentrica nel Mediterraneo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

311/2006
analisi sismica
concrete plates
dettagli costruttivi
dlgs 192/2005
energetic compatibility
executive projecting
fessurazione
hydraulic system
impianto idraulico
impianto solare
iterazione n-m
lastre acriliche
nodo strutturale
piastre in cls
pmma
portata variabile
reinforced concrete structures
schemi impiantistici
seismic analysis
strain stresses
struttura molo portuale
vasca a tenuta stagna
vasche giganti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi