Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I trasporti marittimi: organizzazione e gestione dell'attività

I trasporti marittimi: organizzazione e gestione dell' attività.

Classificazione, storia, leggi giuridiche e conseguenze socio-ambientali del trasporto marittimo. Statistiche, istogrammi e tantissime immagini per ripercorrere l' evoluzione di uno dei più vecchi sistemi di trasporto.

Mostra/Nascondi contenuto.
I trasporti marittimi: organizzazione e gestione dell’ attività 5 Storia dei trasporti marittimi Lo sviluppo dei commerci per mare nell’ età Antica Il popolo dei Fenici fu uno dei primi a considerare il mare come strumento di trasporto. Grazie ad esso esportavano ovunque i loro prodotti ( legname, stoffe purpuree, ceramiche, vetri ). Spesso acquistavano merci diverse nei porti che visitano e le diffondono in Oriente: ad esempio, dall’ Africa importavano l’ avorio e dall’ Inghilterra lo stagno. Trascorrevano molti mesi in mare. Le navi erano a vela e, quando il vento non era sufficiente, erano mosse dai remi. I Fenici miglioravano la stabilità delle loro imbarcazioni con l’ invenzione della chiglia, una tavola che corre verticalmente lungo tutto lo scafo. La grande esperienza consentiva loro di tracciare rotte sicure attraverso il Mediterraneo e li spinse anche a tentare viaggi di esplorazione nell’ Atlantico. Ai Fenici subentrarono successivamente i Cretesi, che per quasi tre secoli mantennero il controllo sulle rotte commerciali dell’ Egeo. I Micenei si sostituirono ai Cretesi nel controllo dei traffici marittimi. Il commercio è essenziale per procurarsi materiali pregiati come ambra, avorio, pietre preziose ma soprattutto rame e stagno per forgiare armi di bronzo. Spesso le merci percorrevano lunghi tratti via terra prima di arrivare alle coste del Mediterraneo ed essere imbarcate su navi micenee. In molti luoghi lungo le coste essi fondavano gli empóri, basi permanenti per il loro commercio. Estendersi della colonizzazione fenicia nel Mediterraneo

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Luca Pantaleo Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7285 click dal 22/03/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.