Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti teorici e pratici dei meccanismi d'asta applicati alle public utilities

L'oggetto della mia tesi è l'analisi dell'applicazione di una delle più recenti delle teorie economiche, la teoria delle aste (Auction Theory), a uno dei settori più importanti della modena economia, il settore terziario, con particolare riferimento al settori dei servizi di pubblica utilità (telecomunicazioni, trasporti, gas, acqua).

Mostra/Nascondi contenuto.
5INTRODUZIONE Narra Erodoto nel primo libro delle Storie 1 : La più avveduta è a mio parere la seguente, di cui ho sentito dire che è adottata dagli Eneti 2 d’Illiria: in ogni villaggio una volta l’anno si fa questo: quando le fanciulle sono mature per le nozze le riuniscono tutte, le raccolgono tutte insieme in un luogo ed intorno ad esse si pone una folla di uomini. Un araldo, fattele alzare una dopo l’altra, le mette in vendita, prima la più bella di tutte e poi, quando questa, trovato un compratore, sia stata venduta a caro prezzo, passa ad offrirne un’altra, quella che è forse la più bella dopo la prima. Vengono messe in vendita per essere sposate. Quanti Babilonesi in età da ammogliarsi erano ricchi, superandosi l’un l’altro acquistavano le più belle; quanti invece erano popolani, non si curavano affatto di un bell’aspetto ma prendevano denari ed insieme le ragazze più brutte. Infatti, quando l’araldo aveva terminato di vendere le più belle, faceva alzare la più brutta o qualche storpia se c’era e la offriva per chi volesse sposarla ricevendo la più piccola somma di denaro, fin tanto che la donna rimaneva aggiudicata a colui che si impegnava a prenderla con il minimo compenso. Il denaro veniva dalle belle che così accasavano le brutte e le deformi…. Questo passo, che narra eventi risalenti al 500 a.C. circa, costituisce la prima testimonianza storica a noi pervenuta relativa all’impiego di un meccanismo d’asta. Possiamo notare, in particolare, come già in epoca antica i principi di conduzione della forma d’asta 1 Erodoto,1:196. 2 Gli Eneti erano i Veneti che abitavano sull’Adriatico ad est del fiume Adige.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Cervetto Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 638 click dal 31/08/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.