Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'enigma del burqa

Dal momento che le donne rappresentano la metà della società umana,il suo status,la sua posizione e il suo ruolo in tale società,possono essere un valido criterio per valutare il livello di ogni società e cultura.
Per comprendere il ruolo della donna nella cultura islamica occorre studiare quello che l’Islam e le sue guide dicono a loro riguardo.
Cultura islamica e cultura musulmana non riflettono immancabilmente gli stessi valori,poiché nel corso dei secoli svariate società musulmane hanno deviato dall’ originale cultura islamica.
La vera cultura dell’Islam può essere valutata soltanto attraverso il Corano e le tradizioni profetiche(hadith) e studiando la vita,il carattere e la condotta del Santo Profeta (Saw), degli Imam(as) e della nobile Fatima (SA), così come, d’altro canto, la cultura musulmana va valutata studiando le norme ed i modelli comportamentali dei musulmani e le opere culturali dei loro scrittori, artisti e poeti .
La tradizione dello status femminile nella cultura islamica deve basarsi su tre principali fonti: il Corano, i detti del Profeta e le sue tradizioni.
Quasi duecento versetti del Santo Corano ( da AL-QUR’AN, recitazione) si occupano di status, ruolo e responsabilità della donna negli aspetti individuale,familiare e sociale.
Nel Corano si afferma che uomini e donne hanno uguali diritti, sono ugualmente “umani”, e con lo stesso fine nella creazione,con specifiche e peculiari esigenze ed attitudini (vedi Sura Al-Ahzab,33:35).
Secondo l’Islam, uomo e donna hanno ricevuto entrambi l’ordine da Allah di camminare sulla retta via, ed entrambi sono vulnerabili a Satana (2:187).

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Scrivere è fede In una magia: che un aggettivo possa giungere dove non giunse,cercando la verità,la ragione; o che un avverbio possa recuperare il segreto che si è sottratto a ogni indagine. Louis Antoine Lèon Saint Just Porrgi A metà del XIX sec.,Alexander Herzen affermava:<Comprendere tutta l’ampiezza,la realtà e la socialità dei diritti della persona senza distruggere la società,senza frantumarla in atomi:è questo l’obiettivo sociale più difficile>. Un’ affermazione che spinge a ricercare strumenti utili per un futuro di dialogo e confronto che produca sviluppo e libertà. Innanzitutto bisognerebbe sciogliere il modo che caratterizza il rapporto fra uguaglianze e diversità,ed in questo senso la psicologia ha proposto innovativi strumenti di comprensione e di gestione del sociale che hanno esaminato il controverso argomento da svariati punti di vista.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Virzì Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2163 click dal 04/09/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.