Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cristallo e il fumo. Un'analsi sociologica di due regimi di accumulazione: Fordismo e Postfordismo.

il novecento è il secolo in cui si succedono due forme di capitalismo, fordismo e postfordismo, il cristallo e il fumo. Queste sono state descritte con il linguaggio del sociologo francese Aglietta, che definisce il capitalismo "un regime di accumulazione" accompagnato da un modo di regolazione politica e sociale composto dall'insieme delle norme, consuetudini e istituzioni che regolano e rendono costante la forma di capitalismo in atto.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. La scuola francese di antropologia spiega la transizione fra le due forme di capitalismo del ‘900, fordismo e postfordismo, utilizzando due immagini antitetiche, il cristallo e il fumo. Il cristallo è la grande impresa fordista, con la sua struttura lineare, razionale e capace di una produzione industriale che proietta il suo ordine interno al di fuori dei grandi stabilimenti industriali, sulla società, sull’assetto politico e sui mercati degli stati, proprio come il cristallo emana luce all’esterno, grazie alla sua struttura lineare e pietrificata. Il fumo, al contrario, si diffonde nell’aria nascondendo i contorni di tutto ciò che lo circonda, espandendosi nello spazio, offuscandone i luoghi in modo transitorio, poiché in continuo movimento, come le industrie postfordiste che si decentralizzano nei luoghi capaci di contenerle, anche per brevi periodi, senza per questo ordinare ciò che le circonda, slegate quasi dai territori sui quali si fermano. La fissità del cristallo è così sostituita dalla vivacità del fumo 1 . La metafora della scuola francese permette di cogliere i tratti principali dello spartiacque industriale che, negli anni ’70, ha sostituito la produzione in serie delle grandi imprese, affermatasi già alla fine dell’ ‘800 negli Stati Uniti, con la produzione flessibile, le cui caratteristiche sono ancora oggi oggetto di dibattito tra gli studiosi. 1 Cfr. Revelli Marco, La sinistra sociale. Oltre la civiltà del lavoro, Torino, Bollati Boringhieri, 1997, pp. 68-69.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luana Lezzi Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2268 click dal 04/09/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.