Skip to content

Deterioramento cognitivo e riabilitazione: descrizione di un caso clinico

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Bruzzese
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Antonio Guidi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

Il lavoro, nato dall'osservazione di un paziente con esiti di encefalopatia post-anossica di origine traumatica, è suddiviso in quattro capitoli.
Dopo un'attenta analisi dei principali quadri clinici di demenza ampio spazio è stato dedicato alla sintomatologia neuropsicologica in pazienti con lesioni cerebrali acquisite ed alla loro riabilitazione cognitivo-comportamentale. Nell'ultimo capitolo è stato descritto il caso clinico con lo scopo di valutare gli obiettivi raggiunti attraverso il trattamento effettuato nel corso degli anni e realizzato attraverso l'elaborazione di progetti individuali basati su metodiche cognitivo-comportamentali. Questo approccio è stato al centro della mia ricerca poichè da diversi studi emerge quanto questo possa essere utile su pazienti post-traumatici, sui quali è difficile, se non impossibile, intervenire con metodiche più classiche o effettuare una terapia del profondo.
In questi casi l’obiettivo primario deve essere, soprattutto, quello di migliorare la qualità della vita del paziente e della sua famiglia, lavorando sul mantenimento delle abilità residue e sul loro incremento al fine di consentire una buona autonomia e, quando questo è possibile, un buon reinserimento sociale.
I risultati della ricerca indicano notevoli miglioramenti in diverse aree, anche se, nonostante il consolidamento di obiettivi importanti, non sembra esserci stata una sufficiente generalizzazione nel contesto ecologico. Ciò conferma quanto già riferito da numerosi Autori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da un’esperienza di tirocinio svolta presso un Centro di Riabilitazione in cui ho avuto modo di osservare un paziente affetto da deterioramento cognitivo post-traumatico. Quando si parla di deterioramento cognitivo (o demenza) si fa riferimento ad una patologia che compromette in toto la nostra realtà di essere umani, che coinvolge non solo la sfera cognitiva, ma anche quella affettiva, che riguarda non solo l’individuo, ma anche la sua famiglia e la società. Il termine demenza, infatti, si riferisce ad una sintomatologia che interessa, innanzi tutto, la memoria, dunque, la capacità di affrontare situazioni quotidiane, di essere coscienti del proprio passato e registi del proprio futuro. Il paziente affetto da deterioramento cognitivo può non ricordare episodi molto importanti della propria vita, non ricordare ciò che gli è appena accaduto e ciò che dovrà fare a breve, anche se gli è stato appena suggerito. La demenza, inoltre, può compromettere la possibilità di esprimersi e di comprendere, può interferire spesso con la capacità di riconoscere oggetti e persone familiari o con l’abilità di compiere movimenti volontari. Può, inoltre, danneggiare la capacità di progettare, organizzare, mettere in sequenza, astrarre; questo rimette in discussione la capacità critica dell’individuo, la sua consapevolezza di sé e dunque la possibilità di vivere una vita in completa autonomia. Per queste ragioni stare a contatto con persone affette da demenza può suscitare profonde emozioni, ma quando il deterioramento cognitivo è provocato da fattori traumatici l’impatto è ancora più forte poiché chi ne è coinvolto si trova costretto a fronteggiare un evento imprevedibile, vista anche la giovane età dei pazienti interessati. Chiaramente il quadro sintomatologico è differente a seconda dell’eziologia, della sede della lesione, di altri fattori che interferiscono in fase acuta e della storia pre-morbosa del paziente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afasia
alzheimer
amnesia
anossia cerebrale
aprassia
cognitivo comportamentale
coma
demenza corticale
demenza post-traumatica
demenza sottocorticale
deterioramento cognitivo
encefalopatia
funzioni esecutive
ipossia
memoria
modeling
neuropsicologia
riabilitazione cognitiva
rinforzo
role-playing
sindrome disesecutiva
sindrome frontale
trauma cranico
valutazione neuropsicologica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi