Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle acque destinate al consumo umano: controllo igienico e monitoraggio analitico sulla rete acquedottistica della provincia di Brindisi

Il tema predominante di questa tesi è la rappresentazione della mia attività lavorativa (Tecnico della Prevenzione in servizio di ruolo presso la A.S.L. di Brindisi, condotta in pena autonomia organizzativa ed operativa , nel pieno rispetto delle disposizioni impartite dal direttore del S.I.A.N. della A.S.L. di Brindisi, in ordine al controllo igienico e monitoraggio analitico esperito sulla rete acquedottistica ricadente nel territorio provinciale di Brindisi, finalizzato alla verifica della salubrità e della potabilità delle acque destinato al consumo umano. Prima d 'intraprendere tale attività lavorativa , ho approfondito lo studio sulla natura delle acque ed in particolar modo sulle specifiche peculiarità diq uelle destinate al consumo umano dal punto di vista legislativo. Sono state anche analizzate le caratteristiche del demanio idrico pugliese e le fonti di approvvigionamento della provincia di Brindisi ai fini della tracciabilità e rintracciabilità delle acque destinate al nostro consumo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE L’acqua, uno dei beni più importanti esistenti sulla terra, fondamentale per la vita dell’uomo, merita di essere tutelata e gestita in modo responsabile vista la sua limitata disponibilità. Il bene acqua, infatti, non è più una fonte inesauribile da sfruttare, bensì un bene da preservare e una risorsa da gestire, in quanto inquinamento, sprechi, il cambiamento degli stili di vita e una mancanza di educazione e di informazione da parte degli utilizzatori, ne riducono notevolmente le disponibilità. Le acque hanno una natura giuridica complessa e soltanto nell’ultimo secolo si è voluti dare una regolamentazione delle stesse sia per quanto concerne lo sfruttamento, sia per la tutela che per la salvaguardia. Scopo di questo lavoro di tesi sono l’esposizione delle norme e le sostanziali modifiche avvenute nella disciplina delle acque, l’estensione, la gestione e la descrizione del demanio idrico in Puglia e, principalmente, la rappresentazione della specifica attività ispettiva svolta dal candidato in ordine al controllo igienico e monitoraggio analitico esperito sulla rete idrica della provincia di Brindisi. Tale attività di controllo, svolta dal candidato in piena autonomia organizzativa ed operativa, ma nel pieno rispetto delle disposizioni impartite dal Direttore del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell'Azienda U.S.L. Brindisi/1, ha avuto il suo decorso a partire dal mese di Dicembre dell'anno 2003, periodo nel quale è divenuto esecutivo, a tutti gli effetti, il Decreto Legislativo 2 Febbraio 2001 n. 31, attuazione della Direttiva 98/83/CE, relativo alla qualità delle acque destinate al consumo umano. Nel capitolo I vengono descritte le caratteristiche delle acque in ordine alle proprie specifiche peculiarità chimiche, fisiche, organolettiche e microbiologiche, tese ad essere meticolosamente

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giampiero Campo Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2819 click dal 11/09/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.