Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio per soluzioni di virtualizzazione su piattaforma multicore per apparati di telecomunicazione

In questo lavoro di 6 mesi presso Nokia Siemens Network di Cinisello Balsamo (MI) mi sono occupato dello studio di fattibilità del passaggio dall'attuale configurazione a blade monoprocessore con software proprietario ad una configurazione con blade multi-core. Sull'hardware di questa piastra sono stati studiate diverse soluzioni di virtualizzazzione, alcune open source come Xen e Qemu per riprodurre la configurazione attuale e destinare a ogni software virtualizzato un processore. E' stata presa in considerazione anche la possibilità di condivirere i processori, ma la gestione del kernel durante quel periodo (2.6.18) non era abbastanza performante. Abbiamo potuto vedere che comunque che l'attuale tendenza in campo hardware è sicuramente il passaggio verso il multi-core e a livello software la virtualizzazione rappresenta un ottima soluzione a livello di desing-to-cost. Nel kernel 2.6.20 è stato inserito KVM.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’attività di studio e sperimentazione legate al presente lavoro di tesi è stata svolta presso il centro di ricerca e sviluppo Nokia Siemens Network di Cinisello Balsamo (MI). Il complesso ospita attività di progettazione di sistema, definizione di architettura di sistema, progettazione hardware e software per il settore reti radiomobili di accesso GSM/GPRS e di terza generazione (UMTS). Assieme al centro di Cassina dè Pecchi (MI) rappresentano, con quasi 1200 ricercatori, 2 centri di eccellenza per la ricerca nei campi di reti mobili e reti a microonde. L’obiettivo di questa tesi è lo studio preliminare di fattibilità per la migrazione da una tecnologia a schede (blades) mono-processore a schede aTCA multi-core. Si è voluto valutare gli effetti dal passaggio di schede a singolo processore e con software indipendente per ogni scheda, a quello su un’unica piattaforma con più processori su cui verranno virtualizzate più istanze (il software delle singole blades) in modo da ottenere la replica di n blade su una sola scheda aTCA. Il processo di studio si è diviso in 3 fasi: Prima fase: ⇒ Studio e comprensione dell’architettura esistente. ⇒ Studio e approfondimento dell’attuale implementazione per le funzionalità di Call Processing, concentrandosi sull’analisi della struttura SW, delle cartelle HW preposte, e della loro interconnessione. - 7 -

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Cecere Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 784 click dal 11/09/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.