Skip to content

Analisi ambientale ed energetica di un impianto di condizionamento con il metodo LCA

Informazioni tesi

  Autore: Sara Mohaddes
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Giorgio Raffellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 314

Lo scopo della ricerca è stato quello di quantificare l’impatto ambientale generato da un impianto di condizionamento invernale ed estivo con pompa di calore, e di metterlo a confronto con quello prodotto da un impianto tradizionale. L’analisi è stata svolta attraverso la metodologia del Life Cycle Assessment (LCA), grazie a cui è stato possibile valutare gli impatti derivanti da ogni fase del ciclo di vita dei sistemi studiati, ovvero quantificare gli effetti connessi alle loro fasi di produzione, utilizzo e smaltimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Sintesi Il presente studio è il risultato di una collaborazione tra il Dipartimento di Tecnologie dell'Architettura e Design “Pierluigi Spadolini” dell'Università degli Studi di Firenze e il Centro Ricerche ENEA (Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente) “Ezio Clementel” di Bologna, presso il quale la tesi è stata svolta. Lo scopo della ricerca è stato quello di quantificare l’impatto ambientale generato da un impianto di condizionamento invernale ed estivo con pompa di calore, e di metterlo a confronto con quello prodotto da un impianto tradizionale. L’analisi è stata svolta attraverso la metodologia del Life Cycle Assessment (LCA), grazie a cui è stato possibile valutare gli impatti derivanti da ogni fase del ciclo di vita dei sistemi studiati, ovvero quantificare gli effetti connessi alle loro fasi di produzione, utilizzo e smaltimento. La prima fase del lavoro è stata quella della scelta e del progetto degli impianti da analizzare. In primo luogo, si è deciso applicare l’analisi ad un impianto che fosse al servizio di 10 locali adibiti ad uso ufficio, facenti parte di un edificio situato a Torino. Dopo aver analizzato le possibili soluzioni impiantistiche, si è scelta quella ritenuta più idonea a coniugare i requisiti prestazionali richiesti dalla tipologia funzionale dei locali con l’esigenza di produrre un impatto ambientale che fosse il minore possibile. A tale scopo, si è optato per un impianto misto aria-acqua con ventilconvettori, il cui vantaggio principale è quello di avere canalizzazioni per la distribuzione dell’aria contenute e di consentire il pieno raggiungimento delle condizioni di benessere termoigrometrico, garantendo anche una certa autonomia all’interno di ciascun locale. Si è poi passati alla fase di dimensionamento dell’impianto, calcolando come prima cosa la potenza da fornire ai locali durante le due stagioni, al fine di mantenere al loro interno le condizioni termoigrometriche fissate. A questo scopo sono state calcolate le dispersioni attraverso l’involucro edilizio nella stagione invernale, ed il carico termico accumulato durante la stagione estiva. Tali calcoli sono stati effettuati sia manualmente che grazie all’ausilio di due software, Recal10 e Termotecnica; i valori ottenuti nei tre casi sono risultati molto vicini fra loro. E’ stato inoltre tenuto conto della portata d’aria esterna necessaria a garantire un adeguato rinnovo e del valore della sua temperatura. Per il dimensionamento del sistema di distribuzione sono state calcolate le perdite di carico. Dopo aver determinato, su queste basi, le caratteristiche tecniche necessarie per i diversi componenti, ovvero pompa di calore (sostituita da caldaia e refrigeratore nel secondo caso), unità di trattamento dell’aria, sistemi di distribuzione dell’acqua e dell’aria primaria, e ventilconvettori, si è operata una scelta fra quelli esistenti in commercio. Il passo successivo è stata la creazione dei processi relativi ai materiali e alle quote di energia utilizzate dall’impianto durante la sua vita, supposta pari a 20 anni. Ovvero, grazie alle schede tecniche delle case produttrici, ogni componente è stato “virtualmente” disassemblato, e per ogni pezzo è stato definito il materiale di cui è costituito, il peso, i vari trasporti che subirà, ed è stato definito il suo fine vita. Tutti i dati sono stati inseriti nel codice di calcolo SimaPro7. Procedendo con questa operazione per ogni componente dell’impianto si è ottenuto un inventario completo di tutti gli impatti derivanti dai processi necessari alla produzione dei vari elementi, dall’estrazione delle materie prime allo smaltimento. Inoltre sono state calcolate le quote di energia primaria necessarie a soddisfare i fabbisogni dei locali nella stagione invernale e in quella estiva, che rappresentano l’energia consumata dall’impianto nella sua fase d’uso, durante l’arco dei 20 anni. La quota relativa all’energia primaria invernale è stata ricavata direttamente grazie al software Recal 10, mentre per quella estiva, non avendo a disposizione software adatti, si è proceduto con un calcolo manuale, basato sulla potenza che l’impianto deve fornire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi