Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La parabola del riformismo in Iran

Ho cercato di ricostruire le origini politiche, istituzionali e sociali del movimento riformista iraniano all'interno della storia della Repubblica islamica dalla rivoluzione del 1979 al 1997. Hoi poi analizzato più in dettaglio le vicende e i fattori che hanno causato il fallimento dell'esperimento politico riformista (1997-2005), sfociato nella vittoria di Ahmadinejad alle presidenziali del 2005. Nella conclusione tento qualche giudizio e qualche previsione sul caso Iran, in bilico tra l'autoritarismo dello Stato e l'effervescenza della società.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’inaspettata vittoria di Mahmud Ahmadinejad alle elezioni presidenziali del giugno 2005 della Repubblica islamica d’Iran, che ha spiazzato gli osservatori e smentito ogni previsione, impone un bilancio e una riflessione su ciò che è stata la presidenza Khatami e sul movimento riformista che essa incarnava. I pochi mesi trascorsi dalle elezioni sembrano infatti confermare ciò che era parso ai più già all’indomani delle stesse, vale a dire che il movimento riformista iraniano avesse concluso, non felicemente, la propria parabola. La metafora della parabola pare calzante sia che si identifichi il periodo riformista con la sola presidenza Khatami (1997-2005), sia che lo si allarghi alla presidenza Rafsanjani, la prima presidenza post- khomeinista (1989-2005 in tal caso ). Entrambi i personaggi peraltro escono politicamente sconfitti dall’elezione di Ahmadinejad, e con loro i rispettivi programmi di governo. Il campo più evidente nel quale è già visibile un cambiamento sia nei toni che nella sostanza è quello della politica estera. Il modo migliore per analizzare l’esperimento riformista mi è parso il ripercorrere, in maniera perlopiù diacronica, prima le dinamiche politiche e sociali che lo hanno generato, poi le vicende e i fattori che ne hanno causato il sostanziale fallimento. Nella Conclusione sosterrò che la fine del riformismo politico e il salto all’indietro rappresentato da Ahmadinejad rendono critica la situazione dell’Iran. Un’implosione del regime e/o un’esplosione rivoluzionaria non sono da escludere nel medio periodo se non interverranno mutamenti significativi.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mattia Billi Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 676 click dal 13/09/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.