Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prima lirica francese di anonimi e d'autore

ANTOLOGIA composta da 30 liriche anonime e d'autore (secoli XI-XIII) in lingua d'oil. Cenni storici delle origini e note biografiche e critiche

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE I rischi che sovrastano ogni antologia: da un lato che la scelta si frantumi in un campionario che non rifletta il quadro storico e dall’altro che sia il personale gusto dell’antologista con tutti i limiti del caso (Roncaglia) a determinarne la scelta. Se non tutte, le principali forme liriche sono state esemplificate. La presente raccolta è un compromesso ed è quindi inevitabile che l’inclusione o l’esclusione di altre liriche derivi da criteri estetici, emotivi e soggettivi. Scegliere tra le oltre duemila liriche antico francesi pervenutici non è stato per nulla facile. Tra le selezionate, alcune liriche sono largamente conosciute, come i primi due testi selezionati, di anonimi trovieri del XII secolo e come le due canzoni di Chrètien, la cui esegesi è ancora non completa, ammesso che sia davvero possibile “leggere” i messaggi antitetici e simbolici di questo grande poeta e romanziere in modo univoco. Non potevano mancare le canzoni di crociata, quali esempio di propaganda ed esortazione ad associarsi a tale impresa, di tono molto più alto, aulico, composto da e per i nobili che parteciparono a liberare il Santo Sepolcro. Esempio di poesia intima, carica di dolenti e malinconiche riflessioni, quelle di Gace Brulé il poeta pessimista che convive con il dolore, la morte e l’amore e le liriche del Chatelain de Coucy, divenuto simbolo della devozione e poeta del “cuore” opposto al corpo come sede dei sentimenti. Quindi la poesia raffinata e finemente umorismtisca quella del re di Navarra, Thibaut e, quasi a far da contrappunto, il poeta povero, giullare dai sentimenti semplici da viveur, bohèmien amante del buon cibo e miglior vino, sempre circondato da bionde pulcelle (le donzelle non possono che essere bionde), che si aggirano tra fiori e uccellini canterini, il poeta-musico,

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Epifania Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 692 click dal 21/09/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.