Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sicurezza e la tutela della salute dell'operatore subacqueo professionale

La Medicina Subacquea si occupa della diagnosi,del trattamento e della prevenzione delle condizioni patologiche associate alle attività subacquee professionali.Emerge l'importanza del ruolo del medico del lavoro nel verificare le condizioni fisiche del subacqueo professionale e nell'esprimere il giudizio di idoneità al lavoro subacqueo.Sono infatti molte le condizioni patologiche che precludono all'immersione professionale e per le quali è necessaria una stretta sorveglianza sanitaria.In questo campo,ad oggi,non esistono specifiche leggi o direttive a cui far riferimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE Il desiderio di andare sott’acqua è probabilmente sempre esistito: per cercare cibo, scoprire manufatti, riparare navi o affondarle e forse solo per osservare la vita del mare. Tuttavia, finché gli esseri umani non trovarono un sistema per respirare sott’acqua, le immersioni sono state necessariamente brevi e convulse. Le prime immersioni furono eseguite in apnea e legate a particolari necessità, col tempo, e soprattutto in seguito ad esigenze di natura bellica, sono stati studiati degli strumenti che permettessero all’uomo di prolungare la permanenza sott’acqua a varie profondità; furono quindi messe a punto diverse attrezzature che ebbero come conseguenza la successiva diffusione della pratica dell’attività subacquea, anche oltre l’ambito militare. Ad oggi l’attività subacquea conosce una diffusione molto vasta ed è talvolta considerata attività alla portata di chiunque. La diffusione dell’attività non può però mai prescindere dal rispetto delle norme di sicurezza, dalla conoscenza delle leggi fisiche che la governano e delle procedure di emergenza. Ogni subacqueo sa che sott’acqua si vive in una splendida situazione di assenza di peso, di facilità di movimento nelle tre dimensioni, di splendide visioni, ma questo tante volte può far dimenticare che comunque non è il nostro ambiente, che siamo ospiti di un altro mondo, la cui forza è incomparabilmente superiore alla nostra. Le regole da rispettare per non incorrere in problemi sono francamente poche ed in realtà anche gli incidenti sono decisamente poco probabili.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Stefania Bertamini Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1256 click dal 02/10/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.