Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova S.r.l. artigiana

La tesi parte dall'evoluzione legislativa sull'artigianato per arrivare alle leggi che hanno introdotto la possibilità, per le imprese artigiane, di costituirsi in s.r.l. nello specidìfico S.r. l. unipersonale, e S.r.l. pluripersonale, con i relativi requisiti ed obblighi per i soci.
Si è preso poi in considerazione l'iscrizione all'albo delle imprese artigiane per i soci delle S.r.l., e il fallimento dell società a responsabilità limitata.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 L’EVOLUZIONE LEGISLATIVA SULL’ARTIGIANATO Capitolo 1.1 L’ARTICOLO 45, SECONDO COMMA, DELLA COSTITUZIONE. La Costituzione della Repubblica Italiana all’art. 45, comma 2, impone al legislatore di provvedere “alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato”. Il motivo del favor è stato spiegato sulla base di differenti ragioni: taluni hanno collegato il trattamento di favore previsto con i valori culturali delle tradizioni che traggono da questo modo di produzione vigore e continuità. 1 Altri hanno reperito la ratio nel ruolo socialmente utile in periodi di transizione come quello in cui fu elaborata la nostra Costituzione. Ciò perché le attività produttive autonome, capaci di valorizzare la responsabilità imprenditoriale ed interporsi tra le due categorie dei datori di lavoro e dei lavoratori, svolgendo una funzione moderatrice dei conflitti di classe, favorirebbero il reale sviluppo della società 2 . Altri ancora hanno concepito la norma come una applicazione del principio di eguaglianza sostanziale sancito dall’art. 3 Cost., poiché con essa verrebbe soddisfatta l’esigenza di offrire protezione ed assistenza a posizioni economicamente deboli e fuori dalle grandi direttive dello sviluppo produttivo e commerciale. Tali interpretazioni non sembrano più accettabili per giustificare in modo soddisfacente la posizione di obbiettivo privilegio accordata nella Carta 1 M. BIN, Impresa artigiana, in Contratto e impresa, 1986, p. 248 e ss. 2 F. CAVAZZUTI, Le piccole imprese, in Trattato di diritto commerciale e diritto pubblico dell'economia, diretto da F. GALGANO, Padova, 1978, p. 576 e ss. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Brugognone Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3060 click dal 26/09/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.