Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prospettive di un'economia basata sull'idrogeno

Il vettore idrogeno si propone come miglior sistema per accumulare energia, in modo tale da superare i limiti nell'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, e come combustibile alternativo al petrolio, così da rendere possibile l'adozione di un sistema energetico sostenibile, anche dal punto di vista ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1Introduzione La nostra società si trova ad affrontare due sfide fondamentali: reperire ed assicurare le risorse energetiche per sostenere la crescita e lo sviluppo economico dei Paesi sviluppati e, in misura maggiore, di quelli in via di sviluppo e nel contempo mitigare i processi di cambiamento climatico in atto, garantendo la protezione dell’ambiente. La popolazione del nostro pianeta, stimata alla fine del secolo scorso in circa 6 miliardi, potrebbe crescere al 2050, secondo una stima media delle Nazioni Unite, fino a 9 miliardi. Tale incremento della popolazione mondiale ed il bisogno di migliorare gli standard di vita della parte più povera (ancora oggi ci sono circa 1,6 miliardi di persone senza accesso all’elettricità, prevalentemente concentrati nell’Africa subsahariana e in Asia meridionale) comporteranno un forte incremento della domanda di energia, anche nell’ipotesi di una crescita economica molto lenta nei Paesi già sviluppati. Alcuni scenari proiettano incrementi della domanda globale prossimi al 100% da qui al 2050 (intorno al 37% per i Paesi europei). Questa evoluzione pone problemi molto seri. Le risorse energetiche attualmente utilizzate derivano per oltre l’80% da combustibili fossili (petrolio, carbone, gas naturale) e per il resto da energia nucleare, idraulica e biomasse, in proporzioni più o meno uguali. I combustibili fossili e lo stesso uranio, tuttavia, sono risorse esauribili: il petrolio ed il gas naturale hanno già evidenziato problemi di scarsità, resi più acuti dalla particolare distribuzione geografica delle risorse restanti, distanti dai centri di consumo e concentrate in zone “politicamente a rischio”. Per il primo si prevede una crescita dei prezzi accompagnata da fluttuazioni anche brusche, ben prima che la produzione abbia raggiunto il suo massimo. Lo stesso problema dovrebbe manifestarsi qualche decennio dopo anche per il secondo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Telera Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1527 click dal 27/09/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.