Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione degli investimenti in titoli delle imprese di assicurazione

Analisi sulla gestione della liquidità in surplus delle imprese di assicurazione. Investimento di tale liquidità in valori mobiliari o titoli di stato. Differente propensione al rischio di varie compagnie. Casi pratici realizzati mediante interviste con i responsabili finanziari di alcuni gruppi (Milano Ass, Winterthur, Ina, LaFondiaria, Ras, Generali).

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Le imprese di assicurazione sono caratterizzate da alcune particolarit che ritengo importante sottolineare per introdurre l’analisi seguente. Innanzi tutto va ricordata l’inversione, rispetto alle imprese industriali e commerciali, del ciclo economico finanziario tipico delle compagnie; infatti la manifestazione dei ricavi (entrate) avviene anteriormente ai costi (uscite) a causa del diretto collegamento con l’incasso dei premi antecedentemente rispetto alla liquidazione dei danni. Pertanto la gestione della liquidit aziendale Ł ulteriormente facilitata da tale inversione del ciclo economico finanziario e dalla possibilit di ricorrere alla riassicurazione. La circostanza che la riscossione dei premi precede la liquidazione e il pagamento delle controprestazioni produce, sul piano finanziario, un duplice effetto. Da un lato la posizione di liquidit Ł stabilmente eccedentaria, come conferma la quasi totale assenza dell’indebitamento verso banche o altri intermediari, e le tensioni di tesoreria mostrano un carattere episodico con un conseguente naturale allungamento dell’orizzonte temporale di riferimento assegnabile alla funzione finanziaria. Da un’altro lato, emerge il tema della determinazione dei premi, dal momento che Ł necessario procedervi prima di conoscere l’andamento dei costi aziendali e l’esatta dinamica delle uscite monetarie delle uscite monetarie con l’evidente difficolt a far riferimento alle politiche di prezzo comunemente adottate negli altri settori dell’economia.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Andrea Cerulli Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3099 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.