Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione del settore elettrico: il ruolo del GSE

Contro la liberalizzazione viene invocata la nozione di servizio pubblico. È convinzione ampiamente condivisa che questi servizi devono giungere a tutti i cittadini (l’elettricità) o almeno a tutti quelli che abitano in zone economicamente accessibili, sono necessari alla vita e non devono essere posti fuori della portata dei meno abbienti, devono essere offerti in condizioni di sicurezza e con garanzia di continuità nel tempo: in altre parole, si tratta di servizi che rivestono caratteri spiccati di “pubblicità”. È quindi dovuta agli utenti una particolare protezione, che tradizionalmente è stata prestata da un fornitore pubblico o strettamente legato alla pubblica amministrazione. Da quando la possibilità tecnica della liberalizzazione è apparsa chiara, cioè dalla fine degli Ottanta, in tutto il mondo il vecchio modello è entrato in crisi e la proposta della liberalizzazione si è fatta strada. La spinta a liberalizzare è venuta da diverse parti. I grandi consumatori vogliono libertà di scelta del fornitore. Domandano libertà d’azione i fornitori potenziali concorrenti, in particolare i generatori di elettricità già operanti per conto del monopolista e desiderosi di acquisire una clientela propria, i generatori per autoconsumo desiderosi di avere anche sbocco sul mercato, i monopolisti di un’area desiderosi di espandersi in aree contigue. Preme per la liberalizzazione la vasta area di opinione che manifesta insofferenza nei confronti di un ampio controllo pubblico dell’economia e di una commistione tra sfera politica e sfera economica; se non altro, si constata in molti paesi che il controllo statale dell’economia è fonte di inefficienze e clientelismi, che il mescolare compiti pubblici e affari privati inquina entrambi i processi. Queste esigenze sono state sentite in varia misura e con tempi diversi nei paesi europei. Dapprima in quelli in cui il vecchio modello di impresa pubblica funzionava meno bene e in cui la politica era più decisamente orientata allo sviluppo dei mercati e alla riduzione dei compiti pubblici, come nel Regno Unito. Ma la scelta di liberalizzare non è stata prevalentemente ideologica: l’organizzazione del mercato elettrico su base liberalizzate è stata perseguita nei paesi scandinavi quasi contemporaneamente all’esperienza britannica, e per ragioni eminentemente pratiche, tanto che ad esempio in Norvegia molte imprese elettriche locali sono rimaste pubbliche ma si sono adattate a operare in un contesto concorrenziale. Poi sono arrivati gli altri paesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Considerazioni Dalle liberalizzazioni ci si aspetta un impulso alla crescita e alla competitività del sistema. Ma è utile liberalizzare? Contro la liberalizzazione viene invocata la nozione di servizio pubblico. È convinzione ampiamente condivisa che questi servizi devono giungere a tutti i cittadini (l’elettricità) o almeno a tutti quelli che abitano in zone economicamente accessibili, sono necessari alla vita e non devono essere posti fuori della portata dei meno abbienti, devono essere offerti in condizioni di sicurezza e con garanzia di continuità nel tempo: in altre parole, si tratta di servizi che rivestono caratteri spiccati di “pubblicità”. È quindi dovuta agli utenti una particolare protezione, che tradizionalmente è stata prestata da un fornitore pubblico o strettamente legato alla pubblica amministrazione. Da quando la possibilità tecnica della liberalizzazione è apparsa chiara, cioè dalla fine degli Ottanta, in tutto il mondo il vecchio modello è entrato in crisi e la proposta della liberalizzazione si è fatta strada. La spinta a liberalizzare è venuta da diverse parti. I grandi consumatori vogliono libertà di scelta del fornitore. Domandano libertà d’azione i fornitori potenziali concorrenti, in particolare i generatori di elettricità già operanti per conto del monopolista e desiderosi di acquisire una clientela propria, i generatori per autoconsumo desiderosi di avere anche sbocco sul mercato, i monopolisti di un’area desiderosi di espandersi in aree contigue. Preme per la liberalizzazione la vasta area di opinione che manifesta insofferenza nei confronti di un ampio controllo pubblico dell’economia e di una commistione tra sfera politica e sfera economica; se non altro, si constata in molti paesi che il controllo statale dell’economia è fonte di inefficienze e clientelismi, che il mescolare compiti pubblici e affari privati inquina entrambi i processi. Queste esigenze sono state sentite in varia misura e con tempi diversi nei paesi europei. Dapprima in quelli in cui il vecchio modello di impresa pubblica funzionava meno bene e in cui la politica era più decisamente orientata allo sviluppo dei mercati e alla riduzione dei compiti pubblici, come nel Regno Unito. Ma la scelta di liberalizzare non è stata prevalentemente ideologica: l’organizzazione del mercato elettrico su base liberalizzate è stata perseguita nei paesi scandinavi quasi contemporaneamente all’esperienza britannica, e per ragioni eminentemente pratiche, tanto che ad esempio in Norvegia molte imprese elettriche locali sono rimaste pubbliche ma si sono adattate a operare in un contesto concorrenziale. Poi sono arrivati gli altri paesi.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Retucci Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1248 click dal 02/10/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.