Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica industriale in Europa e in Italia: dalle competenze comunitarie a quelle regionali

La politica industriale in Europa e in Italia: dalle competenze nazionali a quelle regionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 La politica industriale in Europa e in Italia: dalle competenze nazionali a quelle regionali. Capitolo 1: Politiche pubbliche e politica industriale Paragrafo 1: Le politiche pubbliche La politica industriale è parte della politica economica ossia delle scelte pubbliche relative al sistema economico. Ogni scelta, come l’attivazione di una legge, un’azione o l’assenza di una azione è il risultato di un complesso processo decisionale che valuta i suoi effetti economici e politici, ossia il valore creato e la sua distribuzione, il rapporto tra risorse disponibili e alternative possibili, gli interessi coinvolti e quelli trascurati, il consenso o il dissenso politico che genera. Il peso attribuito a ciascuna di queste componenti varia a seconda del soggetto politico, dell’oggetto della scelta e delle circostanze. Il policy maker non è l’agente economico razionale individuato dall’economia classica e dalla teoria economica: è razionale ma non è necessariamente un ottimizzatore, e comunque ha funzioni obiettivo e vincoli assai più complessi di quelli dell’agente economico privato. Problemi di efficienza si affiancano e si intrecciano con quelli redistributivi, rendendo il più delle volte impossibile l’applicazione del solo calcolo economico. E’ opportuno che il criterio dell’efficienza sia alla base di tutte le scelte che non hanno un esclusivo contenuto distributivo; tuttavia è solo parte di un processo decisionale che abbraccia più dimensioni. La politica in generale e quella economica in particolare è il risultato di intuizione ed esperienza affiancati alla tecnica economica. Secondo A.Harberger l’economia va infatti distinta tra scienza ed arte dove la prima è la teoria dell’efficienza e la seconda è l’azione concreta degli economisti nei processi decisionali: “comprendere ed affrontare i vincoli cercando tuttavia di migliorare l’efficienza economica, questa è la vera arte di chi pratica l’economia”. Non sorprende quindi che ci sia sempre una

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Lamia Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2611 click dal 02/10/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.