Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comportamenti aggressivi e dinamiche intra e inter gruppo

in questa ricerca, svolta su un campione di 230 ragazzi delle scuole medie inferiori, si cercano di analizzare i tipi di relazioni presenti tra l'essere un membro accettato o escluso dal proprio gruppo e il confronto con un outgroup di diversi tipi nel compiere un atto aggressivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La socializzazione è quel processo attraverso il quale l’individuo, dalla nascita fino alla morte, si mette in relazione con il suo ambiente, umano e fisico. Il risultato di questo processo è la costruzione della personalità del soggetto, dell’io, del suo comportamento. L’intento della nostra ricerca, come si potrà già intuire dalle pagine successive dedicate alle teorie di riferimento, è quello di analizzare alcuni processi e chimiche dei comportamenti che avvengono dentro e tra i gruppi. I processi di cui ci occuperemo sono quelli che coinvolgono i ragazzi nelle dinamiche all’interno della classe e che vedono come fulcro le interazioni tra i processi di occupazione di un certo status, l’essere protagonisti di un evento di accettazione o esclusione da un gruppo e atteggiamenti aggressivi verso un coetaneo appartenente ad un altro gruppo, avversario, e verso un terzo generico. Tutti questi concetti, termini e processi verranno ampiamente illustrati e argomentati nelle prossime pagine. Questo lavoro cerca di concludere, inoltre, una serie di studi condotti precedentemente che avevano come focus sempre le possibili dinamiche che porterebbero gli adolescenti ad attuare comportamenti antisociali verso coetanei. Queste ricerche si sono anche interessate del pregiudizio in concomitanza dei comportamenti di bullismo; in questa tesi invece si è cercato di ridurre i termini del problema evitando di parlare di bullismo, processo troppo complesso, difficilmente indagabile perché ancora confuso e difficilmente osservabile e rilevabile sul campo. Quello che si è tentato di fare è stato quindi di studiare gli atteggiamenti aggressivi che, a nostro modo di vedere, costituirebbero un termometro della maggior possibilità che un

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Paolo Ghittino Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3213 click dal 05/10/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.