Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Solvency II

Analisi del nuovo regime prudenzale (Solvency II) per le imprese assicurative europee.
Comparazione tra il Solvency II e i regimi prudenziali applicati in altri paesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6INTRODUZIONE L’industria assicurativa contribuisce alla crescita economica e alla prosperità nazionale in vari modi. A livello macro contribuisce a rafforzare l’efficienza e la resistenza dell’economia facilitando il trasferimento del rischio. A livello micro aiuta gli individui a minimizzare l’impatto finanziario del verificarsi di eventi inaspettati. Per il tipo di attività svolta, la compagnia assicurativa è soggetta a varie tipologie di rischio che deve saper controllare e gestire, al fine di proteggere gli assicurati e tutelare la stabilità del sistema. Entra in gioco il concetto di solvibilità, cioè la capacità dell’assicuratore di far fronte ai propri impegni nei confronti degli assicurati. Negli ultimi anni si sta lavorando a una riforma del regime di solvibilità dell’assicuratore al fine di creare una metodologia che tenga conto il più possibile dei rischi sostenuti dall’impresa in modo da evitare situazioni di crisi che possono avere effetti negativi sull’economia. Questo processo di rinnovamento è denominato Solvency II. Nel primo capitolo tratteremo il concetto di solvibilità nella compagnia assicurativa, analizzando i rischi a cui è soggetta e gli strumenti di misurazione degli stessi. Le tre misure di rischio più importanti, utilizzate nell’analisi di Solvency II sono la varianza, il Valore a rischio (VaR) e l’Expected Shortfall (ES). Verrà posta l’attenzione sugli strumenti di mitigazione e trasferimento del rischio, in particolare la riassicurazione. Il secondo capitolo sarà dedicato alla storia del regime prudenziale partendo dalle prime norme di solvibilità per il settore assicurativo, pubblicate nel 1973 per il ramo danni e nel 1979 per il ramo vita. Si passerà per il rapporto Müller che ha posto le basi per la revisione del regime di solvibilità e si è concluso con l’emanazione, nel 2002, di due direttive che hanno condotto alla creazione di Solvency I. Si analizzerà l’impatto dei

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Simona Frisina Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7513 click dal 05/10/2007.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.