Skip to content

La religione civile americana e la sua influenza sulla politica estera degli Usa

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Pizzichillo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Giuseppe Anzera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 563

La tesi cerca di analizzare il modo in cui la religione civile americana ha influenzato, e influenza, la politica estera degli Stati Uniti.
Nella prima parte, partendo dalla constatazione dell’importanza e della centralità della religione all’interno della società statunitense, il lavoro procedere ad un’analisi globale del “fenomeno religioso americano” ( dalle sue origini alle sue manifestazioni attuali ) per provare a spiegare delle apparenti contraddizioni. Diversamente da quanto ci si potrebbe aspettare, nella società americana, espressione del Paese più ricco, moderno e tecnologicamente avanzato del mondo, la secolarizzazione, pur in atto, viaggia a velocità molto meno sostenuta rispetto all’Europa: così gli indicatori che misurano la religiosità all’interno delle società individuano costantemente in quella statunitense una delle popolazioni più religiose dell’intero Occidente e non solo. Considerando il numero di aderenti alle varie fedi, gli Stati Uniti, pur essendo il Paese del libero mercato religioso per eccellenza e, storicamente, una terra di immigrazione, continuano a configurarsi decisamente come una nazione cristiana. Negli Usa, primo Paese laico nella storia, fondato sulla separazione tra stato e chiesa, la religione ha un notevole impatto sulla sfera pubblica. L’analisi giunge infine, cercando di trovare delle risposte a queste ed altre apparenti incongruenze, a soffermarsi sul concetto di religione civile. Elaborato ed introdotto da Jean-Jacques Rousseau durante il XVIII secolo, esso è stato in seguito usato spesso, e da più parti, per descrivere quello che, in estrema sintesi, si potrebbe definire come il legame, particolarmente forte nel caso degli Usa ( la cui religione civile si è consolidata basandosi sul puritanesimo e sulla tradizione giudaico-cristiana ), dei cittadini americani con i simboli, i riti e le istituzioni nazionali. Legame che gioca un ruolo di primissimo piano nella costruzione dell’identità collettiva della popolazione, e che ha anche aiutato, nel corso dei secoli, milioni di nuovi immigrati a trovare più velocemente dei punti di riferimento attraverso i quali consolidare la loro nuova identità nazionale.
Nella seconda parte, il lavoro ripercorre e analizza la politica estera degli Usa dall’indipendenza fino ai giorni nostri, soffermandosi sull’analisi delle condizioni, geopolitiche e non, che hanno reso possibile l’espansione tanto rapida quanto, fin dai primi anni, sostanzialmente incontrastata della nazione. In particolare, si cerca di analizzare come i successi ( ma anche gli insuccessi ) riportati in politica estera e, in genere, il ruolo degli Usa nel mondo, siano stati costantemente messi in relazione, tra molta della popolazione americana, con le particolari condizioni che portarono alla nascita della nazione e percepiti, così, come il segno di una speciale protezione divina riservata al popolo americano, che ha ereditato dal puritanesimo delle origini l’idea di avere una missione da portare avanti su scala globale. Da questo punto di vista, centrale risulta il concetto di destino manifesto: combinato con la Dottrina Monroe, esso ha costituito la base della politica estera ottocentesca, ma, pur essendo l’espressione caduta in disuso, ha continuato a far sentire i suoi effetti anche nel Novecento, sia nella prima che nella seconda parte del secolo terminato con la vittoria sul nemico sovietico, e nei primi anni del nuovo secolo, caratterizzati dalla nuova sfida lanciata dal terrorismo islamista. Ad essa, gli Stati Uniti hanno risposto abbandonando la strada, sicura e ben conosciuta perché li ha portati a divenire la potenza egemone del XX secolo, del multilateralismo e della cooperazione internazionale, per quella, molto meno sicura ( soprattutto tenendo conto della natura del nuovo nemico ), dell’unilateralismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Fin da bambino ho sempre subito il fascino degli Stati Uniti d’America, un Paese così lontano eppure, attraverso le massicce dosi di cultura popolare esportata in tutto il mondo, quasi tangibile rimanendosene comodamente a casa. Ancora nemmeno sapevo in quale parte del mondo fossero collocati esattamente quei Paesi, ma “sapevo” che gli americani erano i buoni e i sovietici i cattivi. Crescendo ho acquisito naturalmente maggiore consapevolezza della complessità di certe problematiche, e di quanto arduo sia, in genere, stabilire chi sia il buono e chi il cattivo ( ammesso e non concesso che la realtà possa sempre essere ricondotta ad una divisione così netta tra le due polarità ). Così ho realizzato che i cattivi erano un po’ meno malvagi di quanto la mia ingenuità mi portasse a credere e che anche i buoni non erano proprio degli angeli. Ma l’America ha continuato ad affascinarmi e ad incuriosirmi, soprattutto per la sua straordinaria capacità di sentirsi e presentarsi, anche attraverso i prodotti della sua industria culturale, come il “punto” più avanzato della storia, l’avanguardia di quella che siamo soliti definire cultura occidentale, pur essendone, dal punto di vista cronologico, uno degli ultimissimi prodotti. Perciò, anche se attraverso mezzi molto limitati, ho deciso di provare anche io a indagarne, in qualche modo, la complessità sociale, oltre alle specificità storiche. Il lavoro, anche se l’indice “recita” diversamente, si compone fondamentalmente di due parti. La prima cerca di analizzare il panorama religioso della società statunitense, anche da questo punto di vista sicuramente più articolato di quello europeo medio, anzi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america
cristianesimo
destino manifesto
dispensazionalismo
dottrina monroe
espansionismo
evangelismo
fondamentalismo
frontiera
guerra civile
guerra fredda
imperialismo
libero mercato religioso
missione
nuova destra religiosa
politica estera
porta aperta
protestantesimo
puritanesimo
religione
religione civile
risvegli
stati uniti
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi