Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sostenibilità e lo sviluppo delle innovazioni nell'applicazione di fonti energetiche

Partendo dalla constatazione del ruolo fondamentale che l'energia ha avuto,nel corso della storia e soprattutto in quella che oggi viene denominata societa' tecnologica,nello sviluppo economico, la tesi ne ripercorre fonti e modalita' di utilizzo dalla rivoluzione industriale ad oggi. In tale percorso viene dato spazio;oltre che all'applicazione attraverso "norme internazionali" del concetto di sviluppo sostenibile; alle implicazioni geopolitiche e all'impatto ecologico delle varie fonti di energia. Proprio attraverso questo percorso si giunge alle argomentazioni a favore, sia sotto il profilo economico che ecologico, delle cosidette fonti energetiche alternative.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa L’uomo è presente sulla terra da circa due milioni di anni, per migliaia di questi ha vissuto in un rapporto di subordinazione con la natura. In un secolo poi ha portato a compimento l’opera d’umanizzazione della terra e di addomesticamento, spesso inteso come asservimento, della natura. Nella società contemporanea si è posto un problema angosciante: quali rapporti intrattiene oggi l’uomo con l’ambiente? Dagli anni 60, da quando cioè si è cominciato a prendere coscienza della conflittualità che caratterizza il rapporto uomo-ambiente, il termine ecologia ha cominciato a far parte del lessico quotidiano. Accanto all’ecologia intesa come scienza il cui oggetto d’investigazione è la natura esiste la politica dell’ambiente. Quest’ultima è la scienza che studia il rapporto tra uomo e natura che si sviluppa negli ambienti terrestri e le possibilità d’intervento economico e giuridico per riportare l’ambiente a livelli di massima vivibilità. Oggi s’impone con sempre maggiore chiarezza la necessità di una politica dell’ambiente planetaria, una politica che riguardi anche i paesi in via di sviluppo poiché, cosi come sostiene il rapporto Brundtland, “l’ambiente e lo sviluppo non sono sfide da affrontare separatamente. Lo sviluppo non può fondarsi su una dotazione di risorse ambientali in via di deterioramento, l’ambiente non può essere protetto se la crescita non tiene in considerazione le conseguenze delle distruzioni ambientali”. Si deve realizzare una “riconversione ecologica”della società, bisogna che l’ambiente sia considerato come un problema la cui risoluzione ne interessa altri, bisogna dimostrare che esistono dei legami molto stretti tra politica economica e politica dell’ambiente. E’impensabile poter realizzare una buona qualità di vita prescindendo da una buona qualità dell’ambiente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosa Venuti Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5561 click dal 05/10/2007.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.