Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il delitto preterintenzionale

Questa tesi è un lavoro di ricerca e studio riguardante la fattispecie del delitto preterintenzionale, o, oltre l'intenzione. Essa affronta la problematica relativa all imputazione soggettiva dell'evento ulteriore e piu' grave che qualifica l' illecito in analisi. L'elaborato è, inoltre, concentrato sullo studio di vari orientamenti presenti in dottrina e giurisprudenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I 1 LA RESPONSABILITA’ OGGETTIVA E IL PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA La responsabilità oggettiva è un meccanismo giuridico di attribuzione soggettiva del fatto illecito che prescinde dall’atteggiamento psicologico del soggetto a cui è attribuito il fatto. Tale responsabilità, in quanto oggettiva, si distingue dalla responsabilità per fatto proprio, perché si fonda esclusivamente su dati ricavabili dal fatto stesso, e sulla sussumibilità del fatto alla legge, a prescindere dalle caratteristiche dell'atteggiamento illecito soggettivo. In astratto, infatti, l’atteggiamento antidoveroso del soggetto può non essere presente nel caso di responsabilità oggettiva. Per questo motivo essa è in aperto contrasto con i principi del nostro ordinamento costituzionale (artt. 2, 24, 27 Cost.), pur essendo presente in forma più o meno palese nelle disposizioni di legge ordinaria contenute nei codici e nelle leggi speciali. Tale forma di responsabilità assume un aspetto particolarmente problematico nel campo del diritto penale, per due ragioni: 1) per la intrinseca gravità del fatto penale e delle conseguenze giudiziarie da questo derivanti, 2) per la presenza di garanzie costituzionali espresse (art. 27 Cost.). L'istituto della responsabilità oggettiva trova la sua nascita nel diritto penale, e la sua ragion d'essere nella concezione retributiva della pena, la quale riteneva che il soggetto che si mettesse contro l'ordinamento dovesse rispondere di tutte le conseguenze, anche di quelle più imprevedibili della sua azione. Nell’attuale sistema penale italiano la responsabilità oggettiva è contemplata in diverse disposizioni di legge, sia 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Melina Fusco Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3818 click dal 05/10/2007.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.