Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi del concetto di gruppo aziendale e il bilancio consolidato tra normativa nazionale e principi contabili internazionali

Colui che è esperto di materie economico-aziendali, sicuramente si renderà conto che questo lavoro non spicca per l’originalità dell' argomento tratto, questione che è stata al centro degli studi dei più grandi ricercatori del secolo passato e continua ancora oggi ad affascinare studiosi anche di materie non strettamente correlate a discipline economico-aziendali.
Tuttavia quello che conferisce particolarità a questo lavoro è l’approccio fortemente critico e sperimentale adottato. In questo trattato, almeno per ciò che concerne questa prima parte, mi propongo, nella piena consapevolezza delle mie capacità intellettive e delle mie conoscenze, di analizzare le principali definizioni di gruppo aziendale emanate negli anni dai più autorevoli studiosi in materia, ritenute rappresentative della diversa concezione del significato di gruppo aziendale. Per poi, sulla base delle osservazioni fatte arrivare ad una interpretazione personale del fenomeno.
La seconda parte, invece, si impernia sull’analisi del processo di redazione del bilancio consolidato. L’emanazione, del Regolamento CE, 19-7-2002, n. 1606 e del d.lgs. 28 febbraio 2005 n. 38, hanno stabilito, che a partire dall' esercizio 2005, alcune società sono obbligate ed altre hanno la facoltà di redigere i propri bilanci in base ai principi contabili internazionali. Nei fatti a partire da tale data all’interno nel mercato italiano convivranno imprese che hanno l’obbligo di redigere il consolidato nel rispetto della normativa nazionale (D.lgs. 127/1991), e imprese che saranno “costrette” a farlo secondo i principi internazionali, altre ancora, avranno la facoltà di redigerlo secondo l’una o l’altra normativa.Alla luce di quanto su esposto ho ritenuto opportuno analizzare il consolidato facendo riferimento costantemente sia alla normativa italiana che hai principi contabili internazionali.
Le forti differenze esistenti tra i due corpus normativi, ne hanno reso spesso necessario una trattazione separata. Tuttavia non sono mancati momenti di confronto; all’interno dei capitoli sovente sono stati realizzati paragrafi che, in un’ottica comparativa, tendono a mettere in evidenza in maniera sintetica, frequentemente attraverso l’ausilio di tabelle, le caratteristiche peculiari delle due discipline, in modo da agevolare la comprensione sia delle norme nazionali e dei principi contabili internazionali, sia delle principali differenze esistenti tra gli stessi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Colui che è esperto di materie economico-aziendali, sicuramente si renderà conto che questo lavoro non spicca per l’originalità del argomento tratto, questione che è stata al centro degli studi dei più grandi ricercatori del secolo passato e continua ancora oggi ad affascinare studiosi anche di materie non strettamente correlate a discipline economico-aziendali. Tuttavia quello che conferisce particolarità a questo lavoro è l’approccio fortemente critico e sperimentale adottato. In questo trattato, almeno per ciò che concerne questa prima parte, mi propongo, nella piena consapevolezza delle mie capacità intellettive e delle mie conoscenze, di analizzare le principali definizioni di gruppo aziendale emanate negli anni dai più autorevoli studiosi in materia, ritenute rappresentative della diversa concezione del significato di gruppo aziendale. Per poi, sulla base delle osservazioni fatte arrivare ad una interpretazione personale del fenomeno. In concreto, questa prima parte si articola in tre capitoli: Primo capitolo.- Non prima di aver accennato un concetto di più ampio respiro, gli aggregati aziendali, come testé affermato sono state analizzate le principali definizioni di gruppo aziendale riscontrabili in letteratura. È stata analizzata la fondatezza di ogni definizioni e le possibili cause che hanno spinto i diversi autori a dare una definizione di gruppo più tosto che un’altra. Segue una visione personale del fenomeno che vuole essere un contributo per una più corretta interpretazione del concetto di gruppo aziendale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Migliaccio Contatta »

Composta da 292 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8399 click dal 09/10/2007.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.