Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo spirito libero in Nietzsche

Il lavoro si articola in alcune delle opere di Nietzsche, partendo dagli scritti giovanili de " La nascita della tragedia" fino alla volontà di potenza.
Il lavoro tocca le tematiche più importanti al fine di illustare l'importanza del concetto di spirito libero nell'interpretazione estetica e morale di Nietzsche.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Nell’esposizione che segue, tratteremo gli aspetti dello spirito libero in Nietzsche. L’esposizione prenderà l’avvio dalla genesi dello spirito libero e si articolerà in tre capitoli, nei quali illustreremo i presupposti teorici che spingono Nietzsche all’elaborazione del concetto di spirito libero e la sua delineazione nelle opere nietzscheane. Con il primo capitolo svolgeremo un’introduzione preliminare all’analisi vera e propria della figura dello spirito libero, in cui considereremo il momento biografico durante il quale Nietzsche elabora la figura dello spirito libero e lo legheremo con i cambiamenti che tale momento comporta nella riflessione di Nietzsche. Il nesso tra influenze biografiche e riscontri concettuali nell’elaborazione filosofica è rappresentato dalla suddivisione interna al capitolo in due paragrafi. Mostreremo inizialmente l’allontanamento di Nietzsche dalle elaborazioni concettuali di Schopenhauer e Wagner, le posizioni teoriche dei quali erano state i moventi per la stesura de La nascita della tragedia. In quest’opera sia l’elaborazione del dramma musicale di Wagner, sia l’impostazione metafisica di Schopenhauer si mescolavano con la formazione filologica di Nietzsche. Esporremo come l’interpretazione estetica wagneriana, che prima era strumento fondamentale per superare l’atrocità dell’esistenza e poter comunque vivere, muti nettamente in Umano, troppo umano. Qui l’arte è ritenuta una soluzione illusoria e l’artista colui che concreta tali illusioni. Proseguiremo poi considerando come anche la soluzione di Schopenhauer, il quale riteneva che l’arte fosse in grado di vincere la forza irrazionale della volontà, è rifiutata da Nietzsche e giudicata, in Umano, troppo umano, un bisogno appunto «troppo umano».

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Bertuzzi Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5094 click dal 09/10/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.