Skip to content

Rapporti industria-ricerca e sistemi regionali di innovazione: schemi interpretativi e applicazioni alla optoelettronica toscana

Informazioni tesi

  Autore: Guido Ghezzi Galli Tassi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze econimiche e sociali
  Relatore: Marco Bellandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

In questa tesi sono analizzate le caratteristiche del processo innovativo e quali condizioni sono necessarie perché un determinato luogo sia l’ambiente ideale per il proliferare di tale processo. Inoltre sono esaminate quali relazioni caratterizzano i sistemi regionali di innovazione per comprendere come questi risolvano i problemi di incentivo connessi allo scambio di conoscenze economicamente rilevanti tra soggetti non appartenenti alle medesima entità economica, ma localizzati in un medesimo luogo e accomunati da vicinanza socio-culturale, per poi dedurre elementi che possano aiutare a comprendere la formazione, sostenibilità e riproduzione dei sistemi stessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Secondo alcuni autori, la più evidente manifestazione della globalizzazione economica consiste nella transizione dell'economia mondiale verso una crescente integrazione funzionale a livello sovranazionale coordinata da imprese transnazionali. Nei settori o ambiti tecnologici in cui questa tendenza è più forte, la globalizzazione ha portato a una sempre maggiore influenza delle imprese transnazionali sull'industria nazionale. In parte ciò è dovuto al fatto che le imprese transnazionali si sono stabilite o hanno acquisito imprese in differenti parti del mondo, e in parte è dovuto ai legami che, imprese formalmente indipendenti, hanno con le imprese transnazionali in quanto fornitori o appaltatori di quest'ultime. In questo modo un gran numero di imprese sono legate insieme in networks che sono direttamente o indirettamente coordinati dai centri decisionali delle imprese transnazionali (Isaksen, 2001). Il messaggio esplicito o implicito di molti recenti lavori sulla globalizzazione è che l'equilibrio del potere nell'economia si è sbilanciato in favore delle imprese transnazionali a scapito dei centri di potere politico ed economico locale, man mano che sempre più imprese e sistemi regionali di produzione sono stati incorporati in networks internazionali (Storper 1997; Humphrey J. & Schmitz H. 2002; Gereffi G., J. Humphrey e T. Sturgeon, 2005). Decisioni su, tra le altre cose, ridimensionamenti, chiusura e rilocalizzazione di aziende ed impianti produttivi, sono prese direttamente (per gli impianti di proprietà di imprese transnazionali) e indirettamente (per i fornitori) in remoti centri decisionali e non da imprenditori locali. Siccome le aziende sono legate in queste strutture organizzative internazionali in evoluzione, la riorganizzazione delle imprese globali ha la capacità di condizionare drasticamente le fortune delle economie locali. Questo è accentuato oltremodo dal fatto che l’attività economica è percepita sempre più come delocalizzata o delocalizzabile (Isaksen 2001). D’altro lato, un numero crescente di contributi sottolinea come la regionalizzazione rappresenti un aspetto importante della globalizzazione. La regionalizzazione si riferisce all'attività economica dipendente da risorse che sono specifiche di determinati luoghi (Storper 1997). Il principale sintomo di questo trend verso la regionalizzazione è la crescente importanza che distretti, cluster e sistemi di cluster e regioni hanno acquisito negli ultimi decenni. Fino dagli anni 70 differenti tipologie di cluster e regioni hanno acquisito una posizione forte nei mercati mondiali, sia per quanto riguarda i prodotti tradizionali (ad esempio i distretti italiani), sia per quanto riguarda quelli hi-tech (ad esempio la Silicon Valley). Questo ha portato i ricercatori e i policy makers ad osservare che “oggi la mappa economica del mondo è dominata da clusters: masse critiche – in un determinato luogo – di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetti
innovazione
integrazione tecnologica
optoelettronica toscana
rapporti ricerca-industria
sistemi
sistemi regionali di innovazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi