Skip to content

Passerella al ''Paradiso''

Informazioni tesi

  Autore: Severino Bragagnolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Enzo Siviero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Passare, attraversare, scavalcare, superare, connettere parti della città o luoghi geografici topograficamente separati, sono condizioni che nella storia dell'architettura e dell'ingegneria civile hanno trovato il loro archetipo risolutivo nel ponte: “passaggio speciale” nel continuum dei sistemi naturali e di quelli antropizzati in cui si colloca e contemporaneamente attimo sospensivo, luogo temporaneo di astrazione dalle loro complesse morfologie per osservarne l'intorno da un suo proprio, particolare, punto di vista.
In analogia con gli obiettivi di ascesa delle torri, il ponte è una costruzione ideata invece per una mobilità orizzontale, per il raggiungimento di una meta quasi sempre complanare, ma come le torri è anche fatto per vedere e per essere visto.
Rappresenta un magico momento di bilico, una parentesi fisica, temporale e psicologica, in cui, dopo la riconquistata unità di percorso, è possibile fermarsi per rileggere la città o il paesaggio da un osservatorio privilegiato, apparentemente meno coinvolto.
Questa sua condizione particolare in cui si coniugano la necessità di unire, di confondere e rendere compatibili luoghi separati, con la peculiare autonomia morfologica del ponte, ne hanno fatto un “tipo” di costruzione architettonica la cui categoria si eleva spesso al livello di elemento emblematico e soprattutto soggetto rappresentativo di un contesto urbano o paesaggistico.
In questi ultimi anni si è prodotta una significativa evoluzione nel progetto di ponti, passerelle e infrastrutture viarie sospese che ha visto delinearsi un rinnovamento non solo dei parametri estetici e costruttivi ma anche degli stessi princìpi di contenuto ideologico, sociale e ambientale che ne hanno determinato un considerevole spostamento, dal campo ingegneristico per eccellenza, a settore di sperimentazione e verifica di nuovi valori architettonici e urbani.
A partire dagli anni ottanta, accanto a una conferma dei tradizionali caratteri di “opera d'arte” nel tessuto urbano, di architettura che fondava la sua bellezza sull'espressività delle componenti statico-strutturali, si sono sviluppate riflessioni sulle nuove valenze paesaggistiche e ambientali del ponte, su una progressiva enfatizzazione della leggerezza e antistaticità raggiungibile con le nuove componenti tecnologiche, ma soprattutto, sulle sue potenzialità di spazio civico vivibile e rappresentativo (valga per tutti l'opera magistrale di un autore come Santiago Calatrava che, come Nervi per gli anni sessanta, rappresenta e segna l'innovazione di questo scorcio di secolo).
Ponti e passerelle inoltre, come è accaduto a strade, piazze, viali, edifici o loro parti, nella disorientante eterogeneità del paesaggio metropolitano contemporaneo, hanno subìto una metamorfosi accentuando da una parte i caratteri di un loro possibile uso collettivo, come spazi cioè che potevano accogliere e valorizzare funzioni ricreative e per il pubblico incontro, dall'altra connotando di più la loro vocazione di unicum, opere singolari dotate di forte personalità autonoma, a cui era possibile demandare la riqualificazione di un giardino, di un parco, di un complesso di edifici o di una parte della città, ridando significato e pregnanza estetica a luoghi dimenticati.
Questa tesi di laurea tratta l'ipotesi di una nuova passerella pedonale inserita all'interno dell'Ottocentesco parco, ubicato a Castelfranco Veneto (TV), facente parte di un contesto storico di notevole interesse giunto immutato sino ad oggi : la “Villa Revedin”, di proprietà dell’Università degli Studi di Padova dal 1967 a seguito di una donazione disposta dalla Signora Renata Mazza ved. Bolasco-Piccinelli.
Nella prima parte dello studio viene sinteticamente descritto ed analizzato il luogo in questione ed in modo particolare il contesto storico e culturale relativo al periodo in cui venne realizzato. Questi concetti risalenti al periodo Romantico e Neogotico, rivisitati e reinterpretati dalle nuove tecnologie, si svilupperanno nella seconda parte dando forma all'idea progettuale per la nuova passerella. Lo studio si conclude con la descrizione dell'ipotesi di progetto e con l'approfondimento dei dimensionamenti di massima e delle verifiche strutturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Passare, attraversare, scavalcare, superare, connettere parti della citt o luoghi geografici topograficamente separati, sono condizioni che nella storia dell’architettura e dell’ingegneria civile hanno trovato il loro archetipo risolutivo nel ponte: passaggio speciale nel continuum dei sistemi naturali e di quelli antropizzati in cui si colloca e contemporaneamente attimo sospensivo, luogo temporaneo di astrazione dalle loro complesse morfologie per osservarne l’intorno da un suo proprio, particolare, punto di vista. In analogia con gli obiettivi di ascesa delle torri, il ponte Ł una costruzione ideata invece per una mobilit orizzontale, per il raggiungimento di una meta quasi sempre complanare, ma come le torri Ł anche fatto per vedere e per essere visto. Rappresenta un magico momento di bilico, una parentesi fisica, temporale e psicologica, in cui, dopo la riconquistata unit di percorso, Ł possibile fermarsi per rileggere la citt o il paesaggio da un osservatorio privilegiato, apparentemente meno coinvolto. Questa sua condizione particolare in cui si coniugano la necessit di unire, di confondere e rendere compatibili luoghi separati, con la peculiare autonomia morfologica del ponte, ne hanno fatto un tipo di costruzione architettonica la cui categoria si eleva spesso al livello di elemento emblematico e soprattutto soggetto rappresentativo di un contesto urbano o paesaggistico. In questi ultimi anni si Ł prodotta una significativa evoluzione nel progetto di ponti, passerelle e infrastrutture viarie sospese che ha visto delinearsi un rinnovamento non solo dei parametri estetici e costruttivi ma anche degli stessi princ pi di contenuto ideologico, sociale e ambientale che ne hanno determinato un considerevole spostamento, dal campo ingegneristico per eccellenza, a settore di sperimentazione e verifica di nuovi valori architettonici e urbani. A partire dagli anni ottanta, accanto a una conferma dei tradizionali caratteri di opera d’arte nel tessuto urbano, di architettura che fondava la sua bellezza sull’espressivit delle componenti statico-strutturali, si sono sviluppate riflessioni sulle nuove valenze paesaggistiche e ambientali del ponte, su una progressiva enfatizzazione della leggerezza e antistaticit raggiungibile con le nuove componenti tecnologiche, ma soprattutto, sulle sue potenzialit di spazio civico vivibile e rappresentativo (valga per tutti l’opera magistrale di un autore come Santiago Calatrava che, come Nervi per gli anni sessanta, rappresenta e segna l’innovazione di questo scorcio di secolo). Ponti e passerelle inoltre, come Ł accaduto a strade, piazze, viali, edifici o loro parti, nella disorientante eterogeneit del paesaggio 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acciaio
bolasco
bridge
castelfranco veneto
footbridge
giardino
neogotico
parco
passerella
passerelle
pedestrian
pedonale
pedonali
ponte
ponti
revedin
steel
treviso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi