Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di un nuovo obiettivo d'impresa: i flussi di scambio

In questa tesi si propone un modello d'impresa che, oltre a perseguire il proprio interesse monetario, rivaluta il fattore umano e relazionale e include questi ultimi nella propria funzione obiettivo.

L’obiettivo generale d’impresa cioè viene rielaborato includendovi – oltre alla variabile quantitativa profitto - a livello aggregato anche variabili qualitative proprie tipicamente della struttura degli obiettivi individuali.

La teoria d’impresa risulta in questo modo integrata con contributi di discipline tradizionalmente in conflitto con i presupposti della teoria economica classica (es. la psicologia evolutiva e i suoi contributi all’organizzazione aziendale) e pone al centro dell’impresa l’uomo con i suoi processi evolutivi -fisici, emotivi, mentali e creativi.
L’impresa in pratica viene concepita come organismo vitale e conoscente, in linea con le impostazioni del resource-based management in cui “l’impresa sa molto di più di quanto dicano i suoi contratti” (B. Kogut e U. Zander, 1996) e conoscenza e apprendimento sono a fondamento dei suoi processi (knowledge-based learning organization).

Queste nuove variabili qualitative vengono a far parte della 'funzione obiettivo generale d’impresa', che per molti versi è speculare alla funzione obiettivo dell'individuo e segue caratteristiche e razionalità riferibili alla scala dei bisogni di Maslow (A.H. Maslow, 1971, 1973) e successive integrazioni: ogni particolare categoria di obiettivi aziendali corrisponde ad un livello, o gruppo di livelli, della scala.
I vantaggi dell'uso di una struttura di obiettivi più ricca di quelli puramente monetari sono rappresentati dalla possibilità di trattare le problematiche aziendali omogeneamente a livello interpersonale, intersistemico e interaziendale.

Questa nuova impostazione delle strategie d'impresa genera varie ed interessanti altre implicazioni che riguardano: la qualità della dimensione interpersonale e la creatività sul lavoro, l'aumento del peso degli investimenti aziendali rivolti alla motivazione del personale, la focalizzazione dello sviluppo strategico focalizzato sulle proprie particolari caratteristiche distintive di business, la scelta necessaria di strategie di posizionamento di nicchia che riduce naturalmente la competizione tra imprese nello stesso settore di business.

Il modello d’impresa risultante, a prima vista lontano da quello capitalistico e tendente verso il non-profit, è compatibile con la prassi delle imprese che mostrano un’attenzione sempre crescente per soluzioni gestionali quali l’empowerment (C. Piccardo 1995) e la customer care, per il rilievo relazionale del prodotto, per finalità etiche o sociali della gestione aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE In questa esposizione l’attenzione si posa da un lato sulle concatenazioni di causa ed effetto che sono state alla base dello sviluppo del dibattito economico e delle vicende caratteristiche dell’economia reale nel corso di tutto il periodo in cui il ruolo della moneta è stato il fondamentale perno del sistema sociale delle nazioni “sviluppate” e il motore degli avanzamenti tecnologici e degli standard vitali di queste. D’altro canto si vuole entrare nel merito delle ragioni storiche del presente stato dell’economia per apportare delle correzioni a quegli assunti di base, correntemente accettati, fonte di errori metodologici di base e di conseguenti inconsistenze rappresentative della realtà. Nel corso della sua storia l’economia come sapere a sé ha sicuramente beneficiato di una competizione di approcci metodologici, risultato speculare di quanto nella realtà accadeva in mercati che funzionavano in regime più o meno accentuato di concorrenza perfetta. Ma il momento attuale rende evidente la necessità di trovare soluzioni per il sistema economico al di là dell’economia tradizionalmente intesa come sapere chiuso poiché questa sembra aver esaurito tutte le combinazioni metodologiche possibili senza aver dato esaurienti risultati a livello di sistema socio-vitale ampiamente considerato. La via percorsa quindi parte da una reintroduzione nelle maglie della economia classica e moderna di aspetti sociologici e variabili non tipicamente economiche per rifondare su una nuova e più completa visione il ruolo specifico dell’economia e in particolare dell’economia d’impresa.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sonia Di Battista Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2523 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.