Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di turnaround nel settore automobilistico: il caso Fiat

La tesi affronta, attraverso uno studio settoriale, l'analisi del turnaround del Gruppo FIAT (FIAT AUTO in particolare) sotto la guida del Presidente Luca Cordero di Montezemolo e dell'amministratore delegato Sergio Marchionne. Vengono in dettaglio affrontati i capisaldi dell'opera di risanamento e inquadrate le direttive della successiva fase di sviluppo (attualmente in fase di start-up, "piano industriale 2007-2010").

Mostra/Nascondi contenuto.
                        !"##$  %   Sulla crisi e sulle vicissitudini che il gruppo FIAT ha affrontato in questi ultimi 4 anni (dalla comunicazione delle “stato di crisi”) si è detto e scritto ogni aspetto della vicenda. Del resto, tale attenzione sia dei media sia dell’opinione pubblica italiana non poteva essere altrimenti considerando che, dall’unità d’Italia in poi, la FIAT ha rappresentato l’avanguardia italiana in fatto di imprenditorialità e successo nei mercati internazionali. Come più di uno studioso ha affermato non c’è storia del capitalismo italiano senza aver richiamato alla memoria ciò che in fin dei conti ha originato in parte l’emancipazione culturale, sociale e tecnologica del nostro Paese 1 . Eppure, nonostante un tale attaccamento della società alla FIAT e ai suoi destìni, la recente crisi ed il successivo turnaround, che qui cerchiamo di analizzare, hanno avuto modo di confrontarsi per la prima volta nella storia dell’azienda con un “sentimento” 2 dell’opinione pubblica più che mai contraria alla gestione aziendale dell’ultimo decennio ed all’insicurezza dell’azionariato di controllo manifestatasi nei momenti cruciali del dipanarsi delle vicende societarie. Uno stato d’animo che per la prima volta ha quasi lacerato quel rapporto saldo che è sempre esistito in tutto il novecento tra l’azienda ed i difensori della bontà della produzione italiana di auto, a vantaggio delle tesi di coloro che vedevano (molti ancora non si sono «convertiti») nelle “eccellenze” straniere il vero punto di riferimento (“esterofilia”senza“se”e senza “ma”). In quest’ultima crisi aziendale non è stato solo gran parte del Paese ed una parte sostanziale della domanda nazionale di autovetture a voltare le spalle alla 1 CASTRONOVO V., “Fiat 1899-1999. Una storia del capitalismo italiano”, Rizzoli, Milano, 2005. 2 FABRIS G., “Il nuovo consumatore: verso il postmoderno”, Franco Angeli, Milano, 2003 (pagg. 88- 89).

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Agrippino Russo Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5046 click dal 18/10/2007.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.