Skip to content

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Conseil de la Concurrence a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Spagnuolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Amministrazione delle imprese
  Relatore: Giorgio Grasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

Con il lavoro svolto si è voluto analizzare in primo luogo il concetto ai AAI (Autorità amministrative indipendenti), definendo i caratteri principali, le origini e la trasmigrazione in europa di tali istituti. Successivamente si sono analizzate nel dettaglio due realtà, quella italiana e quella francese, per quanto riguarda in principal modo la tutela della concorrenza. Per capire meglio nella pratica le principali differenze si è analizzato un caso nel settore del latte per l'infanzia in cui entrambi gli organi (AGCM e Conseil de la Concurrence) hanno deciso in tempi e luoghi diversi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Con il lavoro presentato qui di seguito si vuole proporre, in prima analisi, uno studio del concetto di “autorità amministrative indipendenti”, definendo le origini e la trasmigrazione in Europa di suddetti organismi. In un secondo momento, si andrà a trattare, nello specifico, una fattispecie di autorità indipendente italiana: l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che si occupa di tutelare la concorrenza, confrontandola con l’omologo francese, il “Conseil de la Concurrence”. L’obiettivo consiste nel segnalare quali siano le principali differenze e similarità fra tali organismi, in particolar modo in merito alla loro indipendenza ed autonomia; a tale scopo verrà inoltre analizzato un caso “simile”, sul quale hanno deciso entrambe le autorità indipendenti, per capire se è stato tenuto o meno il medesimo comportamento decisionale. Il lavoro si suddivide in quattro capitoletti: nel primo si cercherà di spiegare il concetto di autorità amministrativa indipendente e di indipendenza, che rappresenta l’aspetto essenziale e caratterizzante di tali entità, e dare quelle definizioni chiave che permettano di avere una visione più chiara e fluida sul tema “tutela della concorrenza e del mercato”. A tale proposito si tratteranno concetti quali intese, concentrazioni, abuso di posizione dominante e pubblicità ingannevole e comparativa. Nel secondo capitolo si vuole effettuare una sorta di premessa alla parte centrale del lavoro, spiegando brevemente le origini ed i motivi che hanno fatto emergere le AAI, e le ragioni che hanno spinto gli Stati a delegare, a tali autorità, dei poteri regolatori. Verranno inoltre poste a confronto le AAI italiane e quelle francesi, individuando le caratteristiche emblematiche che permettono loro di distinguersi dagli altri organi amministrativi. Il terzo capitolo rappresenta il fulcro della tesi e mira a capire quali siano le differenze fondamentali, le somiglianze, i “pro” ed i “contro” di due specifiche AAI, ponendone a confronto gli aspetti più rilevanti (l’organizzazione, i compiti, gli obiettivi, le responsabilità, i rapporti con il Governo e con le altre istituzioni statali, l’autonomia finanziaria e contabile, i regolamenti interni, le attribuzioni a livello comunitario e l’iter di svolgimento delle procedure) e descrivendone le evoluzioni storiche. Si fa riferimento, come già segnalato, all’Autorità antitrust italiana (Agcm) e al “Conseil de la concurrence” francese, nell’ambito delle loro competenze in tema di a “tutela della concorrenza e del consumatore”. Nel quarto ed ultimo capitolo vengono analizzati due casi simili di intese nel settore del latte per l’infanzia, sui quali hanno deciso, in tempi e luoghi diversi, entrambi gli organi, al fine di capire come ciascuno di essi si sia comportato in merito alla pronuncia conclusiva e come operi concretamente. In tale capitolo verranno pertanto racchiusi alcuni aspetti molto rilevanti che rappresentano una sorta di resoconto del lavoro svolto, in quanto pongono in rilievo le particolarità delle due autorità indipendenti, già descritte nel terzo capitolo in linea teorica, e permettono di concludere la tesi, pur lasciando alcuni spazi ancora aperti alla discussione. Tale argomento di tesi è stato scelto per capire meglio cosa effettivamente siano le autorità amministrative indipendenti, di cui tanto si è discusso recentemente e delle quali si sta avendo una rapida diffusione. Non a caso questo nuovo modello di amministrazione è rientrato anche fra le questioni presenti nel recente referendum costituzionale del 25 giugno 2006, dovendosi decidere se ampliare o meno i poteri di tali autorità e se introdurne di nuove nei diversi settori economici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aai
agcm
autorità amministrative indipendenti
autorità garante della concorrenza
concorrenza
conseil de la concurrence

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi