Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sogno nella psicoanalisi italiana: nuove considerazioni

"L’interpretazione dei sogni è in realtà la via regia per la conoscenza dell’inconscio, il fondamento più sicuro della psicoanalisi e il campo in cui ogni praticante deve maturare il proprio convincimento e perseguire il proprio perfezionamento".Con queste parole Sigmund Freud definiva nell’autunno del 1909 il valore propedeutico fondamentale del suo libro sui sogni uscito dieci anni prima. Seguendo la trattazione di Freud, che rappresenta senza dubbio uno dei contributi più esaustivi riguardo al tema, oltre che uno dei più straordinari libri di avventure mai scritti, i sogni sono dei fenomeni psichici pienamente validi che rappresentano soddisfazioni di desideri; essi possono essere inseriti nella catena degli atti mentali comprensibili della veglia.A partire da Freud, lo studio del sogno, sia nella tradizione psicoanalitica, sia, più recentemente, nel campo delle neuroscienze, si è incessantemente sviluppato e arricchito. La tesi si sviluppa seguendo gli articoli di vari autori psicoanalisti italiani comparsi sulla rivista ufficiale di psicoanalisi italiana, i quali hanno trattato l’argomento del sogno compiendo una illustrazione teorica e aggiungendo casi clinici a sostegno delle loro tesi; in un periodo di tempo che va dal 1995 all’anno corrente, il 2006. Questo, per poter vedere e rintracciare differenze di come negli anni sia stato utilizzato il sogno e la sua interpretazione nella prassi psicoterapeutica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione teorica: <<L’interpretazione dei sogni è in realtà la via regia per la conoscenza dell’inconscio, il fondamento più sicuro della psicoanalisi e il campo in cui ogni praticante deve maturare il proprio convincimento e perseguire il proprio perfezionamento>>. Con queste parole Sigmund Freud definiva nell’autunno del 1909 il valore propedeutico fondamentale del suo libro sui sogni uscito dieci anni prima. Freud ebbe sempre piena coscienza che si trattava della più valida delle sue scoperte, <<intuizione che capita, se capita, una volta sola nella vita>>. L’enorme risonanza e impressione che quest’opera ha suscitato nel corso di questo secolo gli hanno dato pienamente ragione; chiunque infatti voglia accostarsi allo studio della psicoanalisi o al tema del sogno non può prescindere dalla lettura de L’interpretazione dei sogni, che non è soltanto l’opera capitale di Freud, ma anche il suo libro più affascinante e sconvolgente. Ma cos’è il sogno? E’ difficile, se non impossibile dirlo in una frase. Seguendo la trattazione di Freud, che rappresenta senza dubbio uno dei contributi più esaustivi riguardo al tema, oltre che uno dei più straordinari libri di avventure mai scritti, i sogni sono dei fenomeni psichici pienamente validi che rappresentano soddisfazioni di desideri; essi possono essere inseriti nella catena degli atti mentali comprensibili della veglia.

Diploma di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Marco Nunzi Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10226 click dal 24/10/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.