Skip to content

Analisi dei meccanismi d'incentivazione delle fonti rinnovabili. Studio previsionale dell'andamento del mercato dei certificati verdi

Informazioni tesi

  Autore: Ugo Ambrosetti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria elettrica
  Relatore: Alberto Berizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

In questo elaborato, volto allo studio dei sistemi d’incentivazione delle fonti rinnovabili in Italia, si è cercato di inquadrare nel contesto storico i vari programmi istituiti e di analizzare i dati disponibili al fine di costruire un insieme di scenari previsionali che possano risultare attendibili.
Nel primo capitolo è presentata l’analisi dell’evoluzione storica del mercato dell’energia elettrica in Italia, dagli albori a oggi, indicando le motivazioni che hanno spinto all’avvio del programma CIP6/92 nella fase di monopolio ENEL e le ragioni per le quali lo stesso programma risultava coerente di fronte alle necessità di un mercato liberalizzato.
L’evoluzione storica mostra inoltre un notevole aumento d’interesse per le problematiche ambientali; quindi nel secondo capitolo vengono descritte le principali politiche energetiche volte alla progressiva diminuzione delle emissioni di sostanze inquinanti (in particolare il protocollo di Kyoto) e all’efficienza dei cicli produttivi (certificati bianchi).
Il terzo capitolo introduce i principali meccanismi d’incentivazione delle fonti rinnovabili (programma CIP6/92, certificati verdi, conto energia) cercando di definirne i tratti chiave utili a comprendere i principali fattori che li governano e confrontandoli con i sistemi impiegati in altri paesi europei.
Il capitolo quattro, che conclude la sezione introduttiva, descrive la situazione del rinnovabile in Italia, analizzando dal punto di vista tecnico le differenti soluzioni produttive e presentando un quadro generale dello sviluppo delle stesse negli ultimi anni.
Nel quinto capitolo viene descritto nel dettaglio il “vecchio” meccanismo d’incentivazione basato sulla delibera CIP6/92. Quest’analisi si rende necessaria in quanto molti impianti di produzione risultano ancora incentivati con questo sistema; inoltre, ricopre una notevole importanza per la definizione del valore dei Certificati Verdi. In questo studio si sono riscontrate notevoli difficoltà nella ricerca di dati affidabili e nella loro rielaborazione, causa le continue modifiche sul piano normativo e i pesanti sfasamenti temporali tra l’inserimento degli impianti produttivi in questo programma e la loro effettiva entrata in esercizio. Lo studio storico e previsionale è stato svolto sino al 2015 (che non rappresenta comunque l’anno di riferimento per il termine del processo d’incentivazione), e nonostante i fattori d’incertezza precedentemente esposti i risultati ottenuti risultano in linea che le previsioni fatte dal GSE.
I capitoli successivi presentano lo studio svolto sul mercato dei certificati verdi composto da quattro parti fondamentali: l’analisi storica, lo studio della domanda e dell’offerta di CV e la definizione del prezzo degli stessi. Essendo un meccanismo di recente attuazione, la base dei dati storici è piuttosto limitata ma appare l’unico strumento valido per comprendere a fondo il funzionamento di questo sistema e per testare i modelli di calcolo impiegati per la creazione di scenari previsionali. L’analisi si estende fino al 2012 ed è articolata sulla base di più scenari sviluppati in funzione delle principali variabili legati all’evoluzione del parco di produzione e delle ristrutturazioni normative che si prospettano. Molti dati necessari per questa analisi, come per lo studio del precedente sistema d’incentivazione, sono spesso noti soltanto agli operatori del mercato stesso, per questo motivo è risultato essenziale al fine del completamento del lavoro la collaborazione con APER (Associazione Produttori di Energia da fonti Rinnovabili).
Il capitolo conclusivo riassume i punti di forza e le mancanze del meccanismo dei certificati verdi, indicando alcune possibili soluzioni per rendere più efficiente il sistema e la descrizione di un nuovo disegno legislativo che, se attuato, porterà grandi novità dal 2009.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE: In questo elaborato, volto allo studio dei sistemi d’incentivazione delle fonti rinnovabili in Italia, si è cercato di inquadrare nel contesto storico i vari programmi istituiti e di analizzare i dati disponibili al fine di costruire un insieme di scenari previsionali che possano risultare attendibili. Nel primo capitolo è presentata l’analisi dell’evoluzione storica del mercato dell’energia elettrica in Italia, dagli albori a oggi, indicando le motivazioni che hanno spinto all’avvio del programma CIP6/92 nella fase di monopolio ENEL e le ragioni per le quali lo stesso programma risultava coerente di fronte alle necessità di un mercato liberalizzato. L’evoluzione storica mostra inoltre un notevole aumento d’interesse per le problematiche ambientali; quindi nel secondo capitolo vengono descritte le principali politiche energetiche volte alla progressiva diminuzione delle emissioni di sostanze inquinanti (in particolare il protocollo di Kyoto) e all’efficienza dei cicli produttivi (certificati bianchi). Il terzo capitolo introduce i principali meccanismi d’incentivazione delle fonti rinnovabili (programma CIP6/92, certificati verdi, conto energia) cercando di definirne i tratti chiave utili a comprendere i principali fattori che li governano e confrontandoli con i sistemi impiegati in altri paesi europei. Il capitolo quattro, che conclude la sezione introduttiva, descrive la situazione del rinnovabile in Italia, analizzando dal punto di vista tecnico le differenti soluzioni produttive e presentando un quadro generale dello sviluppo delle stesse negli ultimi anni. Nel quinto capitolo viene descritto nel dettaglio il “vecchio” meccanismo d’incentivazione basato sulla delibera CIP6/92. Quest’analisi si rende necessaria in quanto molti impianti di produzione risultano ancora incentivati con questo sistema; inoltre, ricopre una notevole importanza per la definizione del valore dei Certificati Verdi. In questo studio si sono riscontrate notevoli difficoltà nella ricerca di dati affidabili e nella loro rielaborazione, causa le continue modifiche sul piano normativo e i pesanti sfasamenti temporali tra l’inserimento degli impianti produttivi in questo programma e la loro effettiva entrata in esercizio. Lo studio storico e previsionale è stato svolto sino al 2015 (che non rappresenta comunque l’anno di riferimento per il termine del processo d’incentivazione), e nonostante i fattori d’incertezza precedentemente esposti i risultati ottenuti risultano in linea che le previsioni fatte dal GSE. I capitoli successivi presentano lo studio svolto sul mercato dei certificati verdi composto da quattro parti fondamentali: l’analisi storica, lo studio della domanda e dell’offerta di CV e la definizione del prezzo degli stessi. Essendo un meccanismo di recente attuazione, la base dei dati storici è piuttosto limitata ma appare l’unico strumento valido per comprendere a fondo il funzionamento di questo 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi