Skip to content

Perché la storiografia scientifica è sempre revisionista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Bitonti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienza della comunicazione e delle relazioni istituzionali
  Relatore: Dario Antiseri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Che la storia sia un campo del sapere caldo è fatto risaputo. E’ per tale motivo che l’attenzione che alla storiografia viene posta, in qualità di intellettuali, politici e cittadini, è di primaria importanza per arrivare ad avere consapevolezza, in base alla conoscenza del passato, dei processi in atto e dei possibili scenarî che il futuro offre.
Soprattutto in un contesto globalizzato, nel quale i destini dei popoli sono così strettamente legati gli uni agli altri, crediamo sia fondamentale avere una base solida sulla quale fondare la conoscenza dell’altro come di sé stessi.
In questa prospettiva solo la storiografia è in grado di farci acquisire tale consapevolezza, sia per conquistare una visione della propria storia che sia in grado davvero di farci capire chi siamo, sia perché la storia stessa rappresenta un bagaglio di esperienze, di problemi, e di soluzioni a tali problemi, da cui l’uomo, tornando alla concezione dell’historia magistra vitae, non può altro che imparare a vivere più consapevolmente e, si spera, ad evitare gli “errori” già commessi.
Troppo a lungo la storiografia è stata vista, da una parte, come disciplina certa e indiscutibile, che metteva in campo solo “puri fatti”, e, dall’altra, come strumento ideologico da usare e “abusare” per dimostrare la validità delle proprie convinzioni politiche. Se, come vedremo, la prima visione è epistemologicamente impossibile, la seconda, ancor più pericolosa, presuppone che la Verità abbia dei padroni. Cercheremo di spiegare in che senso queste interpretazioni della storiografia siano scorrette.
In realtà la risposta si trova proprio nel tipo di storiografia da noi descritta in questa ricerca, cioè la storiografia scientifica.
Grazie all’apporto fondamentale dell’epistemologia e della filosofia ermeneutica, potremo esplorare le condizioni che permettono la storiografia scientifica e le caratterisitiche di tale processo.
La grande lezione da trarre da tutto questo sarà che nessuna delle nostre conoscenze potrà mai essere certa della propria verità, poiché la scienza, ogni tipo di scienza, è, per natura logica, fallibile. Per tale motivo la metodologia scientifica non può altro che spingere al continuo controllo e alla continua revisione di ogni nostra conquista. Si tratta, infatti, di una grande lezione di modestia, di docta ignorantia, poiché solo chi sa di non sapere è in grado di fare delle vere domande, e solo a chi pone delle vere domande la scienza è in grado di offrire le giuste risposte.

Nella nostra ricerca siamo partiti dall’enunciazione di alcuni presupposti teoretici che costituiscono la base metodologica della scienza.
Partendo dalla confutazione del panlogismo hegeliano, che riconosceva l’identità di realtà e razionalità, ci siamo soffermati sulla concezione ontologica del soggetto storico, che se per Hegel, come per tutte le visioni olistiche, si concentrava sui grandi enti collettivi (Stato, Umanità, Ragione...), in un contesto scientifico, quindi nella realtà empirica, non può prescindere invece dall’individuo, ponendo quindi le basi dell’individualismo metodologico, esplorato, tra gli altri, da grandi pensatori come von Mises e von Hayek, oltre che dallo stesso Popper. Infatti, riferendoci all’antico problema degli universali, non potremo che considerare i nomina collettivi solo delle ipostatizzazioni improprie di concetti astratti. Per questo nella storiografia i dati empirici da studiare sono costituiti esclusivamente da azioni di individui e dalle conseguenze che tali azioni, consapevolmente, ma soprattutto inintenzionalmente, producono.
Sul piano metafisico, il riferimento da tenere costante è la concezione kantiana della conoscenza, che distingue realtà fenomenica, unico riferimento empirico per la scienza, e cosa in sé, che possiamo identificare con la Verità dei fenomeni, ma che sarà solo un postulato gnoseologico, un noumeno, ovvero l’intellegibile puro, “l’oggetto di un’intuizione non sensibile”, di una conoscenza extrafenomenica preclusa all’uomo. Per questo, la Verità, seppure raggiungibile teoreticamente, non potrà essere dimostrabile, e sarà da considerare solo un ideale regolativo al quale la conoscenza scientifica ambisce.
Esplorando gli innumerevoli punti di contatto tra Kant e Popper, abbiamo infatti evidenziato i vari postulati metafisici da anteporre logicamente alla scienza, ovvero che la realtà esiste, che sia conoscibile e che presenti una regolarità che la renda comprensibile. La scelta etica da cui partire poi sarà proprio la scelta della scienza stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREFAZIONE Che la storia sia un campo del sapere caldo è fatto risaputo. E’ per tale motivo che l’attenzione che alla storiografia viene posta, in qualità di intellettuali, politici e cittadini, è di primaria importanza per arrivare ad avere consapevolezza, in base alla conoscenza del passato, dei processi in atto e dei possibili scenarî che il futuro offre. Soprattutto in un contesto globalizzato, nel quale i destini dei popoli sono così strettamente legati gli uni agli altri, crediamo sia fondamentale avere una base solida sulla quale fondare la conoscenza dell’altro come di sé stessi. In questa prospettiva solo la storiografia è in grado di farci acquisire tale consapevolezza, sia per conquistare una visione della propria storia che sia in grado davvero di farci capire chi siamo, sia perché la storia stessa rappresenta un bagaglio di esperienze, di problemi, e di soluzioni a tali problemi, da cui l’uomo, tornando alla concezione latina dell’historia magistra vitae, non può altro che imparare a vivere più consapevolmente e, si spera, ad evitare gli “errori” già commessi. Tuttavia, questo bagaglio non deve essere visto come un insieme unico e indiscutibile di fatti passati. Infatti, il passato avrà sempre da essere reinterpretato in base ai problemi presenti, poiché, come diceva giustamente Benedetto Croce, “ogni storia è storia contemporanea”, e cercheremo qui di spiegare il perché. “Ciò che hai ereditato dai padri – scriveva Goethe nel Faust – conquistalo per possederlo”; è infatti proprio la consapevolezza del significato della storiografia che ci muove alla ricerca sul nostro passato. Troppo a lungo la storiografia è stata vista, da una parte, come disciplina certa e indiscutibile, che metteva in campo solo “puri fatti”, e, dall’altra, come strumento ideologico da usare e “abusare” per dimostrare la validità delle proprie convinzioni politiche. Se, come vedremo, la prima visione è epistemologicamente impossibile, la seconda, ancor più pericolosa, presuppone che la Verità abbia dei padroni. Cercheremo di spiegare in che senso queste interpretazioni della storiografia siano scorrette. Se, però, l’interesse verso il passato nasce sempre da problemi contingenti, non si correrà allora il rischio di subordinare il passato al presente “deformando” così l’essenza dei fatti? In realtà la risposta si trova proprio nel tipo di storiografia da noi descritta in questa ricerca, cioè la storiografia scientifica. Grazie all’apporto fondamentale dell’epistemologia e della filosofia ermeneutica, potremo esplorare le condizioni che permettono la storiografia scientifica e le caratterisitiche di tale processo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

confutazioni
congetture
epistemologia
ermeneutica
essere
fallibilismo
falsificazionismo
fusione orizzonti
gadamer
metodo
metodologia
obiettività
oggettività
popper
precomprensione
problemi
revisionismo
salvemini
scienza
situazione
storia
storia degli effetti
storicismo
storiografia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi