Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Digitale terrestre e beni culturali

L’obiettivo della presente ricerca è valutare le possibilità di concreto utilizzo della Televisione Digitale Terrestre nella valorizzazione e fruizione dei beni culturali, ovvero da una parte le potenzialità che questa nuova tecnologia offre, dall’altra gli ostacoli e le difficoltà che concretamente si presentano nella accettazione, da parte del mercato, di progetti che puntino non solo sull’intrattenimento superficiale, bensì sull’approfondimento e sulla conoscenza del patrimonio storico-artistico-architettonico di cui il nostro Paese è immensamente ricco, quale strumento di formazione culturale permanente, nonché volano efficace per una crescita socio-economica che coniughi cultura e turismo.

Pur in estrema sintesi si cercherà dunque di affrontare questa tematica prendendo a riferimento esplicativo l’esperienza di un’azienda fiorentina del settore informatico, che molto ha lavorato nel campo dei beni culturali, esaminando in particolare un progetto, ancora in forma di prototipo, espressamente mirato ed utile a coniugare il Digitale Terrestre con la valorizzazione del giacimento culturale italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’obiettivo della presente ricerca è valutare le possibilità di concreto utilizzo della Televisione Digitale Terrestre nella valorizzazione e fruizione dei beni culturali, ovvero da una parte le potenzialità che questa nuova tecnologia offre, dall’altra gli ostacoli e le difficoltà che concretamente si presentano nella accettazione, da parte del mercato, di progetti che puntino non solo sull’intrattenimento superficiale, bensì sull’approfondimento e sulla conoscenza del patrimonio storico-artistico-architettonico di cui il nostro Paese è immensamente ricco, quale strumento di formazione culturale permanente, nonché volano efficace per una crescita socio-economica che coniughi cultura e turismo. Pur in estrema sintesi si cercherà dunque di affrontare questa tematica prendendo a riferimento esplicativo l’esperienza di un’azienda fiorentina del settore informatico, che molto ha lavorato nel campo dei beni culturali, esaminando in particolare un progetto, ancora in forma di prototipo, espressamente mirato ed utile a coniugare il Digitale Terrestre con la valorizzazione del giacimento culturale italiano.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Irene Guidotti Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 852 click dal 31/10/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.