Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'applicazione del controllo statistico di processo alla linea di produzione dei coils in acciaio al carbonio zincati a caldo dello stabilimento Marcegaglia di Ravenna

Premessa
Il controllo di qualità avviene nelle varie fasi di produzione dei coils mediante il controllo delle variabili che influenzano le caratteristiche dei coils, quali temperatura, concentrazione dei metalli, velocità dell’aria etc.
In questo modo si tiene sotto controllo continuo il processo e si evitano disfunzioni o anomalie che potrebbero alterare le caratteristiche dei coils rendendoli non conformi alle specifiche minime.
Un miglioramento della qualità dei prodotti potrebbe essere perseguito mediante un sistema di controllo più avanzato, in grado di individuare modifiche dei parametri di controllo, pur all’interno della banda di tolleranza accettata, che influenzano la qualità dei prodotti finali.
Il sistema dovrebbe mettere sotto controllo tutti i parametri la cui singola variazione o in combinazione con altre, ha effetti peggiorativi delle caratteristiche dei coils.
Come abbiamo visto i parametri di controllo sono numerosissimi, e non tutti possono essere monitorati in continuo.
Pertanto si tratta di stabilire, mediante il controllo statistico, una correlazione tra la variazione delle caratteristiche che determinano la qualità e una variazione significativa dei parametri dei parametri di controllo.
Sarà necessaria una fase di sperimentazione per costruire questa correlazione, mediante verifica tra le variazioni dei parametri (varianze), magari indotte, e l’effetto sulle caratteristiche di qualità.
Questa fase si presenta non facile e lunga perché si tratta di acquisire un riscontro sufficiente di verifiche prima di decidere se passare alla fase di test applicativo.
Il costo di questa fase sperimentale può esser contenuto andando ad utilizzare le variazioni spontanee dei parametri nel processo produttivo, andando a ricercare le eventuale variazioni delle caratteristiche meccaniche dei coils.
Anche qui bisogna tener conto della fase della lavorazione, e fare le prove di verifica a fronte di varianze avvenute solo quando le prove non richiedano un taglio di coils che causerebbe uno scarto di materiale rilevante. Una volta costruita la correlazione si tratterà di stabilire le specifiche minime che si vogliono ottenere per le caratteristiche di qualità, che ovviamente devono essere correlabili a varianze ben definite dei parametri di controllo, per un singolo parametro o combinazione di parametri, ed organizzare i dati in carte di controllo. La fase sperimentale è in corso di attuazione presso la Linea di Zincatura dello stabilimento di Ravenna della Marcegaglia, e obiettivo della ricerca è quello di fornire un contributo per migliorare la fase del processo mediante una analisi dello stato dell’arte.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1. Aspetti teorici del controllo statistico di processo 1. Statistica di base Si tratteranno solo i concetti di statistica necessari per gli argomento futuri, a partire dalle cose basilari; innanzitutto come deve essere effettuata la raccolta dei dati e successivamente calcolando alcuni parametri quali gli indici di posizione e quelli di dispersione. CAPITOLO 1. ASPETTI TEORICI DEL CONTROLLO STATISTICO DI PROCESSO 1.1 La raccolta dei dati In ogni studio della produzione finalizzato all’attività di controllo di qualità, il sistema di raccolta dei dati deve soddisfare quattro requisiti: 1) la validità o integrità dei dati deve essere estremamente alta; 2) deve essere possibile ricostruire la storia dei dati raccolti (data traceability); 3) deve essere raccolto il giusto tipo di dati; 4) il sistema deve essere “in linea” e “in tempo reale”. 1) L’integrità dei dati è la caratteristica più importante di ogni sistema di acquisizione dati. Se un sistema di raccolta dati è progettato e realizzato in modo tale che solo il 50% dei dati sia corretto, il responsabile di reparto o funzione non sarà in grado di affidarsi a questo sistema per prendere decisioni importanti relative al prodotto/processo. E’ necessario sempre ricordare che se i dati acquisiti sono dubbi allora, per quanto possa essere raffinata l’analisi statistica, i risultati saranno senza significato per tutti coloro che dovranno sfruttare i dati raccolti. 2) Per “ricostruibilità o tracciabilità delle informazioni” si intende la capacità di risalire, a posteriori, lungo il processo produttivo per 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giorgio Amici Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1750 click dal 06/11/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.