Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'organizzazione aziendale delle risorse umane: l'inserimento e la gestione delle risorse come vantaggio competitivo

Le attuali tendenze evolutive dei sistemi organizzativi delle aziende mostrano che, nonostante il progresso tecnologico, è sempre l’uomo a rappresentare la risorsa fondamentale, quella particolare risorsa su cui poggiare le fondamenta del benessere dell’azienda.

Infatti, la maggior parte dei manager ritiene che siano proprio alcune peculiari caratteristiche intrinseche delle risorse umane, come ad esempio l'alta qualificazione dei dipendenti e dei collaboratori, gli elementi chiave per far decollare gli investimenti legati a processi organizzativi o a nuovi prodotti. Il capitale intellettuale viene inteso come patrimonio di conoscenza, informazioni, proprietà intellettive ed esperienza, e diventa in questa nuova ottica un valore aggiunto da utilizzarsi per raggiungere una posizione competitiva.

Lo scopo primo di questo elaborato è di approfondire le tecniche di progettazione e di gestione della selezione, partendo dall’analisi dei bisogni che necessitano l’inserimento di una nuova risorsa, fino ad arrivare alla designazione di un sistema di valutazione del candidato.

Il secondo obiettivo ha fondato il tema della ricerca sul reclutamento delle candidature, un processo che richiede un’attenta analisi per l’individuazione del target di persone da ricercare, del sistema di selezione da preferire e lo studio di un messaggio da veicolare.

Lo studio della fase di progettazione e di reclutamento, è servito come introduzione propedeutica alla fase della selezione. Essa costituisce un momento operativo che, dopo un attento screening dei curricula, prevede l’analisi di tre fasi: pre-intervista, ossia la progettazione, intervista vera e propria e post-intervista o valutazione del processo, che indirizza all’introduzione o esclusione del candidato.

In ultimo, l’analisi si è occupata di illustrare quali siano le politiche di gestione delle risorse umane passate ed odierne, e come le persone assumano una valenza strategica, specialmente grazie ad efficaci tecniche comunicative.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Obiettivi Lo scopo primo di questo elaborato è di approfondire le tecniche di progettazione e di gestione della selezione, partendo dall’analisi dei bisogni che necessitano l’inserimento di una nuova risorsa, fino ad arrivare alla designazione di un sistema di valutazione del candidato. Il secondo obiettivo ha fondato il tema della ricerca sul reclutamento delle candidature, un processo che richiede un’attenta analisi per l’individuazione del target di persone da ricercare, del sistema di selezione da preferire e lo studio di un messaggio da veicolare. Lo studio della fase di progettazione e di reclutamento, è servito come introduzione propedeutica alla fase della selezione. Essa costituisce un momento operativo che, dopo un attento screening dei curricula, prevede l’analisi di tre fasi: pre-intervista, ossia la progettazione, intervista vera e propria e post-intervista o valutazione del processo, che indirizza all’introduzione o esclusione del candidato. In ultimo, l’analisi si è occupata di illustrare quali siano le politiche di gestione delle risorse umane passate ed odierne, e come le persone assumano una valenza strategica, specialmente grazie ad efficaci tecniche comunicative. Introduzione Le attuali tendenze evolutive dei sistemi organizzativi delle aziende mostrano che, nonostante il progresso tecnologico, è sempre l’uomo a rappresentare la risorsa fondamentale, quella particolare risorsa su cui poggiare le fondamenta del benessere dell’azienda. Infatti, la maggior parte dei manager ritiene che siano proprio alcune peculiari caratteristiche intrinseche delle risorse umane, come ad esempio l'alta qualificazione dei dipendenti e dei collaboratori, gli elementi chiave per far decollare gli investimenti legati a processi organizzativi o a nuovi prodotti. Il capitale intellettuale viene inteso come patrimonio di conoscenza, informazioni, proprietà intellettive ed esperienza, e diventa in questa nuova ottica un valore aggiunto da utilizzarsi per raggiungere una posizione competitiva.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Elena Biotti Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 32233 click dal 06/11/2007.

 

Consultata integralmente 53 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.