Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il monitoraggio della lattatemia nel puledro neonato

Grazie a strumenti di analisi portatili come il “Lactate Scout”, la lattatemia è diventata un parametro facilmente monitorabile nel puledro neonato. Viste le difficoltà che si possono presentare nel monitoraggio del puledro ricoverato in terapia intensiva, riteniamo consigliabile inserire la valutazione della lattatemia tra i parametri da valutare di routine, sia all’arrivo che durante la degenza e nei casi più gravi, data l’economicità della determinazione, anche ad intervalli di tempo molto ravvicinati, per fornire agli animali ricoverati elevati livelli di cure e migliorare le percentuali di sopravvivenza.
Infine, l’andamento della lattatemia nelle prime 36 ore di ricovero offre indicazioni utili al clinico per valutare gli effetti della terapia in corso ed emettere una prognosi di sopravvivenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE A causa delle particolarità fisiologiche che caratterizzano il puledro nei primi giorni di vita, è spesso difficile comprendere il reale stato dell’animale e guidare correttamente la terapia basandosi sui soli segni clinici o sui parametri utilizzati nell’adulto. Il lattato ematico è un parametro di grande utilità in medicina umana e veterinaria, che ha acquistato importanza negli ultimi anni, anche grazie all’avvento di strumenti d’analisi portatili che rendono la rilevazione veloce ed economica. In questo lavoro verrà validato l’analizzatore portatile “Lactate Scout” nel puledro neonato. In seguito, dopo aver stabilito l’andamento fisiologico della lattatemia nel puledro sano (nelle prime 36 ore di vita), verrà valutato l’andamento della lattatemia nel puledro malato (nelle prime 36 ore di ricovero o fino al decesso) in relazione alle diverse patologie. Inoltre verranno indagate eventuali correlazioni tra la lattatemia e altri paramentri clinico-patologici, per determinarne l’utilità nel monitoraggio del puledro ricoverato in terapia intensiva e l’eventuale valore prognostico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Valerio Angelini Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1006 click dal 06/11/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.