Skip to content

Politica e società nel cinema di Gian Maria Volontè

Informazioni tesi

  Autore: Matteo La Torre
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Marco Gervasoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

Spesso si afferma che la storia sia scritta dai vincitori, tanto più in una società mediatizzata come la nostra, in cui il controllo sui media sembra essere presupposto per l’acquisizione e il mantenimento del potere.
Partendo da queste considerazioni, ho analizzato alcune opere cinematografiche rappresentative del periodo 1968-1978, per verificare se fosse stato possibile assumere un punto di vista estraneo a quello della cultura dominante, utile per una ricostruzione più realistica dell’arco storico.
La scelta dei film è stata segnata dalla figura di uno degli artisti che maggiormente ha inciso nella vita politica e civile del nostro paese, davanti e dietro l’obbiettivo, un attore che andò componendo con la sua invidiabile coerenza nella scelta e nell’ interpretazione dei ruoli un meta-film rappresentativo di un altro italiano, lontano dagli stereotipi che il cinema neorealista prima e quello americano poi, avevano contribuito a plasmare.
Gian Maria Volontè è stato per tutta la sua carriera un attore controcorrente, irrisolto, problematico, in teatro e in televisione, fino a quando ha trovato nel cinema d’impegno la sua naturale dimora, nonché la fama.
Sovrapponendo con due cerchi concentrici le opere di Volontè e gli avvenimenti storici più controversi e dibattuti tra anni Sessanta e Settanta, la scelta è ricaduta su cinque opere cinematografiche:
Banditi a Milano di Carlo Lizzani, 1968;
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto e
La classe operaia va in paradiso di Elio Petri, 1970 e 1971;
Sbatti il mostro in prima pagina di Marco Bellocchio1972;
Il caso Moro di Giuseppe Ferrara del 1986, ambientato nel 1978.
Il mio obiettivo è partire da un corpus scelto di opere, particolarmente sensibili ed interessanti per la memoria storica che contengono, al fine di poter tornare ad interrogarci su una fase cruciale del nostro paese disponendo di un punto di vista alternativo, che deve rispondere a nessun altro se non se stesso: il cinema.
Sono convinto che le opere filmiche scelte abbiano una densità di informazioni tali sul periodo che rappresentano, da non poter essere più ignorate come valide fonti storiche, al pari di quelle tradizionali.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La mia ricerca nasce dall’incontro tra due passioni personali: il cinema e la Storia italiana del secolo scorso, quindi è frutto di una passione essa stessa. Senza l’indispensabile simbiosi tra storia e cinema questo lavoro di tesi non avrebbe avuto motivo di esistere, non perché le ipotesi su cui poggia e i principi di cui si fa portavoce non sarebbero stati ugualmente validi, ma perché, molto più prosaicamente non sarebbe stato il mio progetto universitario di fine corso, e in questo momento, probabilmente, starei parlando d’altro. La passione non va intesa come limite metodologico alla ricerca che si materializza nel ‘parteggiare per un cavallo invece che un altro’, ma esclusivamente come serbatoio colmo di curiosità e benevola predisposizione alla materia trattata che, tuttavia, esaurisce la sua faziosità nel momento della scelta del campo d’indagine, pena la perdita di credibilità dell’intera opera. La consapevolezza che ha mosso il mio desiderio di conoscere è lo stato di apatia in cui versa da decenni il cinema italiano: la decaduta seconda cinematografia mondiale, la più dotata di immaginazione e sentimento per dna, ma anche una cinematografia che ha trovato nei film civili e politici uno strumento di riappropriazione popolare della verità che la ‘razza dominante’ spesso tardava ad affermare, depistava o negava. Cinema d’impegno civile e politico, il cui protagonista non è l’attore/attrice con maggiori primi piani o battute, ma il contesto socio-politico in cui si snoda la vicenda. Cinema civile italiano che è riuscito, tra anni Sessanta e Settanta, a rappresentare un’attrattiva per i botteghini, con incassi a nove zeri; un fervido argomento di discussione nella società attraverso quotidiani e televisione, malgrado l’ombra della censura; un volano per attori emergenti e addetti ai lavori, specializzatisi in questo genere di opere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo moro
attore
banditi a milano
carlo lizzani
cinema
cinema italiano
elio petri
gian maria volontè
giuseppe ferrara
il caso moro
indagine su un cittadino al di sopra di ogni
italia anni 60
italia anni 70
la classe operaia va in paradiso
lotta operaia
marco bellocchio
media
mezzi di comunicazione di massa
mostra di venezia
movimento studentesco
operai
politica
sbatti il mostro in prima pagina
società

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi