Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'infermiere della Polizia di Stato e l'intervento sanitario in ordine pubblico. Una proposta di aggiornamento del percorso formativo

Il lavoro prende in considerazione il ruolo dell’infermiere della Polizia di Stato negli interventi delle unità sanitarie durante i servizi di ordine pubblico.
Intende
- presentare l’esperienza maturata nell’organizzazione e realizzazione di corsi di formazione teorico-pratici sull’intervento sanitario in ordine pubblico;
- analizzare i risultati dei corsi già espletati;
- elaborare una proposta di aggiornamento del percorso formativo degli in-fermieri della Polizia.
I servizi di ordine pubblico sono servizi preventivi indirizzati ad evitare l’insorgere di turbative allo svolgimento ordinato della vita sociale. Si predispongono quando si prevede la partecipazione di un gran numero di persone concentrate in uno stesso luogo: grandi eventi religiosi, politici, sportivi.
In questi servizi possono verificarsi situazioni assimilabili alle emergenze sanitarie extraospedaliere. Emergenze che diventano rilevanti perché si verificano in condizioni particolari, con incombente rischio evolutivo.
I sanitari della Polizia possono essere costretti ad intervenire per soccorrere operatori feriti in situazioni ambientali e sociali a rischio.
La formazione del personale sanitario dovrebbe consentire di operare con sicu-rezza ed in sintonia con il personale operativo.

Metodi
I frequentatori dei corsi seguivano lezioni ed esercitazioni integrate tese alla preparazione di interventi sanitari. Venivano trattate tecniche di intervento sanitario, e anche tecniche operative, considerazioni medico-legali, supporto psicologico, difesa personale, esercizio fisico, addestramento preliminare, dotazioni di reparto e strumenti di comunicazione.
A fine corso veniva proposta la compilazione anonima di una scheda di valuta-zione, strumento utile per le procedure di verifica e revisione di qualità, e per raccogliere osservazioni e suggerimenti. Così si valutava il grado di soddisfazione dei frequentatori del corso, segno della qualità percepita. Sono state adottate tecniche analoghe a quelle utilizzate per la valutazione dell’attività infermieristica, in cui uno degli indicatori più usati è la soddisfazione dell’utente.
La scheda di valutazione conteneva una serie di sette quesiti, volti ad indagare sia l’attività didattica che aspetti organizzativi e di accoglienza:
- L’organizzazione materiale del corso
- Il metodo seguito
- Il risultato dell’esercitazione
- La corrispondenza dei casi proposti con l’argomento delle lezioni
- La documentazione fornita
- Infrastruttura, accoglienza, vitto e allogio
- L’assistenza durante il corso.

Le possibili risposte erano 4:
- Ottimo
- Buono
- Sufficiente
- Insufficiente

Risultati
I frequentatori dei corsi erano medici e infermieri.
I risultati venivano espressi analiticamente con grafici a torta e sinteticamente con istogrammi.
I giudizi sono sbilanciati verso il polo positivo della gradazione di scala Likert. Il punteggio massimo (ottimo) è preponderante nei quesiti riguardanti l’organizzazione materiale del corso (79%) e l’assistenza (92%).
Nei quesiti riguardanti la didattica (metodo, esercitazioni, corrispondenza dei casi con gli argomenti trattati a lezione) aumenta il peso del giudizio “buono” a scapito del giudizio “ottimo”, ma si resta nell’ambito positivo: 100% per il metodo, 96% per le esercitazioni, 99% per la corrispondenza).
La documentazione fornita, giudicata globalmente positiva per il 99%, vedeva un giudizio “ottimo” rappresentato per il 59% e per il resto “buono” (40%). Si deve tener conto comunque della circostanza che il giudizio si può riferire a documentazione cartacea distribuita il primo giorno di corso. Invece una parte importante e – si ritiene – gradita della documentazione era fornita su supporto informatico (CD) contenente fra l’altro presentazioni proiettate in aula oltre che foto ricordo in formato digitale e veniva consegnata l’ultimo giorno, a conclusione del corso, insieme all’attestato di frequenza e documentazione di ufficio.
Più varia la distribuzione dei giudizi riguardanti il quesito “Infrastrutture, acco-glienza, vitto, alloggio” (ottimo 61%, buono 35%, sufficiente 4%).

Conclusioni
Nei servizi di ordine pubblico l’infermiere può apportare il contribuito della sua professionalità generale e specifica, derivata dalla sua formazione di base, dalla dimestichezza con le tecniche di rianimazione cardiopolmonare di base e di emergenza preospedaliera. Ma soprattutto si avvale della sua responsabilità e di una preparazione adeguata e consapevole, tesa all’integrazione: fra membri di una stessa squadra, con altri reparti e altre forze, con altri enti e istituzioni.
In questo scenario l’attività dell’infermiere è fondata non solo su preparazione tecnica, normative e linee guida, ma sul suo impegno responsabile, per essere sempre disponibile e pronto, al servizio della società e di un’istituzione che intende perseguire sicurezza e benessere sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 5 Introduzione Questo lavoro prende in considerazione il ruolo dell’infermiere della Polizia di Stato negli interventi delle unità sanitarie durante i servizi di ordine pubblico. Intende a) presentare l’esperienza maturata nell’organizzazione e realizzazione di corsi di formazione teorico-pratici sull’intervento sanitario in ordine pubblico; b) analizzare i risultati dei corsi già espletati; c) elaborare una proposta di aggiornamento del percorso formativo degli infer- mieri della Polizia di Stato L’infermiere di polizia svolge le sue funzioni all’interno di un servizio sanitario “sui generis”: il Servizio Sanitario della Polizia di Stato, che ha il compito principale di tutelare la salute del personale dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Parte- cipa fra l’altro allo svolgimento dei servizi di Istituto della Polizia di Stato, fra cui quelli diretti al mantenimento dell’ordine pubblico. Il mantenimento dell’ordine pubblico risulta fondamentale fra le funzioni che la Polizia esercita al servizio delle istituzioni democratiche e del cittadino, in quanto un ordinato svolgimento della vita sociale garantisce il rispetto dei diritti dell’uomo e la possibilità di crescere e progredire. Trovare infatti un equilibrio fra sicurezza e libertà – componenti essenziali per un corretto sviluppo delle relazioni interpersonali e collettive – costituisce il presup- posto fondamentale per un ordinato svolgimento della vita democratica e la garanzia di coesione e armonia in tutte le parti del tessuto sociale. 1 L’intervento della polizia a tutela dell’ordine e della sicurezza è tipico e specifico durante manifestazioni caratterizzate da intensa partecipazione: spettacoli, eventi sportivi, cerimonie, cortei. In quei posti e in quelle circostanze non è infrequente il ve- rificarsi di situazioni assimilabili alle emergenze sanitarie extraospedaliere. Si tratta di emergenze sanitarie che diventano rilevanti perché si verificano in condizioni particolari, con incombente rischio evolutivo: durante i servizi di ordine pubblico le unità sanitarie della Polizia di Stato concorrono a prestare la loro opera, a fianco ed in sinergia con i reparti ordinari, al fine di soccorrere eventuali operatori ri- masti feriti. Spesso sono costrette ad intervenire in situazioni ambientali e sociali par- ticolarmente a rischio, tali da rendere opportuna una formazione specifica (e periodici aggiornamenti). 2 La formazione del personale sanitario della Polizia di Stato dovrebbe consentire di operare con elevati margini di sicurezza ed in perfetta sintonia con il personale o- perativo di Reparti Mobili e Questure. Allo scopo di rispondere a queste esigenze si sono tenuti a Bari e in altre Scuo- le di Polizia una serie di corsi di formazione teorico-pratici denominati “Modalità di in- tervento delle Unità Sanitarie durante i servizi di Ordine Pubblico”, rivolti a infermieri e medici della Polizia di Stato di tutta Italia. In questo lavoro si cerca di analizzare i risultati dei corsi già espletati e, alla luce dell’esperienza maturata, elaborare una proposta di integrazione dei percorsi forma- tivi già istituzionalmente previsti per il personale sanitario della Polizia di Stato. Si propone di prevedere nell’ambito della formazione per personale sanitario una serie di lezioni ed esercitazioni integrate tese alla preparazione di servizi di ordi-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Francesco Scagliusi Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6780 click dal 08/11/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.