Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'e-commerce e la situazione italiana

Una tesi sul commercio elettronico ha necessariamente a che fare con una letteratura di settore quanto mai frammentata e disomogenea, specchio fedele della poca chiarezza negli standard e nelle definizioni: molti i rapporti di società di consulenza tesi a dimostrarne la crescita esponenziale, molti i Report ufficiali di istituzioni governative a sottolineare l’importanza di un quadro politico chiaro e ricco di incentivi a favore di questo nuovo mercato, ma poche le analisi approfondite e rigorose del fenomeno. Uno dei motivi a fondamento della tesi è proprio la necessità di riunire, scremare, ma soprattutto ricercare un filo logico in questo tipo di pubblicazioni.
Vero è che le potenzialità del commercio elettronico si sono rivelate immense. Il terzo capitolo include, a tal proposito, un riepilogo delle previsioni di crescita del settore effettuate dalle maggiori società di consulenza americane. I valori sono tali per cui l’e-commerce entro breve potrebbe rappresentare il 15 per cento delle vendite al dettaglio su scala globale e circa la metà di quelle ottenute con il direct marketing. In meno di dieci anni!
Numerose sono le aziende il cui valore è maturato dal nulla per poi incrementarsi, insieme al fatturato, a tassi di crescita impensabili, tant’è che alcune di esse hanno già sorpassato in capitalizzazione aziende storiche e consolidate sui mercati internazionali come Ford, Coca-Cola o Gillette. Ciò ha alimentato attese di crescita e di miglioramento della produttività, tanto da indurre la Borsa a speculazioni fortissime, nonchè gli economisti a teorizzare la nascita di un nuovo ciclo economico. Ripercussioni in tal senso sono realtà di fatto nei mercati dei prodotti digitali o digitalizzabili (software, biglietti, musica) e dei servizi (home-banking, assicurazioni), direttamente trasmissibili in rete. Nei settori dei prodotti tangibili ricadute così marcate si avranno comunque a breve.
Fra le tematiche trattate, un posto a sè va ai benefici, soprattutto in termini di possibilità di estendere la propria dimensione d’azione su scala internazionale e di risparmiare tempo ottimizzando i processi. Parimenti importanti sono la possibilità di personalizzazione dell’offerta e la sua più efficiente aggregazione con la domanda.
Questioni da analizzare sono, invece, quelle relative alla presunta disintermediazione attuabile con la rete e al vantaggio competitivo dei first mover. Altro spazio è dedicato alle problematiche ancora aperte nel contesto in cui nasce l’e-commerce, quali la tariffazione, la sicurezza, la convergenza fra Internet e altre forme di comunicazione.
Infine, viene presa in esame una segmentazione geografica, dalla quale emergono le diversità esistenti tra le varie regioni del mondo (in particolare America ed Europa) sia a livello strutturale che politico, con particolare attenzione alla piccola/media impresa. In questa analisi, lo spazio maggiore è dato alla situazione italiana, analizzata alla luce delle tematiche considerate.
Fa seguito una serie di interviste rivolte ai rappresentanti di 13 tra le maggiori società di e-commerce avviate in Italia. Si tratta di (in ordine alfabetico): Banca Sella, Direct.it, Ducati, GeinaLLOYD, IBM, Il Sole-24 Ore, ItaliaOnLine, Kataweb, Peck, Poligrafica San Faustino, QXL.it, Siemens Informatica, Vitaminic. Tali testimonianze, provenienti da chi fa e-commerce, rappresentano il fulcro della tesi, in quanto permettono di verificare la validità delle teorie esposte.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione _________________________________________________________________________________ 1 INTRODUZIONE Una tesi sul commercio elettronico ha necessariamente a che fare con una letteratura di settore quanto mai frammentata e disomogenea, specchio fedele della poca chiarezza negli standard e nelle definizioni: molti i rapporti di società di analisi e consulenza dimostranti la crescita esponenziale del mercato, molti i Report ufficiali da parte di istituzioni governative tesi a sottolineare l’importanza di un quadro politico chiaro, uniforme e pieno di incentivi verso l’e-commerce, ma poche le analisi approfondite e rigorose del fenomeno. Uno dei motivi primari dietro a questa tesi è proprio la necessità di riunire, scremare, amalgamare, ma soprattutto ricercare un filo logico in questo tipo di pubblicazioni: un lavoro che si è reso ancora più necessario quando ci siamo trovati davanti ad una vera e propria pletora di titoli, da parte dei più affermati quotidiani e periodici italiani, di un livello a dir poco esilarante. Ecco alcuni esempi scelti entro un arco temporale ristretto, tanto per regalare un sorriso prima di affrontare analisi, si spera, un po’ più serie: ξ da un lato, la stampa ‘trionfalistica’, che tenta di suscitare nel lettore il desiderio di conoscere Internet puntando su ciò che è più facilmente appetibile: il successo. ‘Fare soldi con Internet’ L’Espresso, 30/09/99; ‘Imprenditore su Internet a 12 anni’, Il Corriere della Sera, 06/10/99; ‘Vola la Borsa, più soldi, più lavoro. E’ ora di scommettere su Internet. Ecco le occasioni irripetibili’ Panorama, 18/11/99; ‘La classifica dei 40 miliardari under 40 pubblicata dalla rivista “Fortune” è un vero e proprio inno al successo del business “nuove tecnologie” servizio DoItYourNews- Nella Rete, per gli abbonati a Tin.it, ottobre 1999. Significativa è parsa anche la Mercedes V-class presentata allo SMAU ’99, in quanto dotata di esclusivo set di ufficio mobile IBM incorporato nell’autovettura sotto lo slogan ‘That’s e-business in automotive’

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberto Finazzi Contatta »

Composta da 532 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5196 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.