Skip to content

Il linguaggio di Prodi e Berlusconi nei confronti diretti televisivi del 2006

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Franzoso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Davide Colussi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

In Italia la presenza di giovani in politica, sia per quanto riguarda l’elettorato attivo, che soprattutto quello passivo, è in continuo e drastico calo.
Da parecchi anni ormai, e l’evento scatenante è stato indubbiamente il fenomeno di Tangentopoli, si è persa la fiducia nella politica e il fenomeno del qualunquismo è notevolmente aumentato. Trovare gente, in particolare ragazzi, con la voglia di fare politica con quello spirito di voler contare per qualcuno e soprattutto con la speranza di poter migliorare le cose per sé e per tutti i concittadini è diventato quasi un’utopia.
Io sono stato (e non mi reputo di certo un eroe) uno dei pochi giovani in Italia che ha avuto la possibilità e soprattutto la voglia di vivere l’esperienza di candidarsi, di interpretare cioè il ruolo di elettore passivo, e devo dire che il partito a cui mi sono appoggiato m’ha fatto perdere l’entusiasmo e la passione in poco tempo, perché la tendenza di coloro che fanno politica – salvo rarissimi casi – è di parlare bene dei giovani senza poi valorizzarli come si dovrebbe. Forse però la colpa è semplicemente stata mia perché non ho voluto attraversare quel sottilissimo confine che separa l’attività politica svolta per passione dalla costante e insaziabile brama di potere.
Nel ruolo di elettore attivo invece la curiosità e l’attenzione verso i vari partiti, le loro strategie di governo ed i loro programmi non si è sopita, tanto che ho deciso di voler concludere i miei studi di comunicazione pubblica e sociale con questa tesi di laurea che mira ad analizzare i due massimi esponenti delle coalizioni di centrosinistra e centrodestra (Romano Prodi e Silvio Berlusconi) in due dei momenti chiave della campagna elettorale 2006: i dibattiti televisivi trasmessi su Rai Uno, ovvero le due puntate di “Faccia a Faccia” del 14 marzo 2006 e del 3 aprile 2006 condotte rispettivamente da Clemente J. Mimun e Bruno Vespa.
Ho voluto confrontare due personaggi di indubbia caratura politica, notevole esperienza e caratterizzati da una metodologia di comunicazione alle masse abissalmente diversa.
Ho voluto inoltre studiare quale potesse essere la migliore forma di comunicazione da utilizzare con gli elettori, quale fosse insomma la strategia comunicativa vincente da tenere dinanzi al proprio avversario e, contemporaneamente, al pubblico.
Mi sono chiesto se questi due personaggi sarebbero stati in grado in trasmissioni del genere, basate su un regolamento molto preciso concordato seppur polemicamente e faticosamente dai due schieramenti, di rendere più chiare le idee agli elettori indecisi, se non addirittura farle cambiare a coloro che avevano già deciso a chi dare il proprio voto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE In Italia la presenza di giovani in politica, sia per quanto riguarda l’elettorato attivo, che soprattutto quello passivo, è in continuo e drastico calo. Da parecchi anni ormai, e l’evento scatenante è stato indubbiamente il fenomeno di Tangentopoli, si è persa la fiducia nella politica e il fenomeno del qualunquismo è notevolmente aumentato. Trovare gente, in particolare ragazzi, con la voglia di fare politica con quello spirito di voler contare per qualcuno e soprattutto con la speranza di poter migliorare le cose per sé e per tutti i concittadini è diventato quasi un’utopia. Io sono stato (e non mi reputo di certo un eroe) uno dei pochi giovani in Italia che ha avuto la possibilità e soprattutto la voglia di vivere l’esperienza di candidarsi, di interpretare cioè il ruolo di elettore passivo, e devo dire che il partito a cui mi sono appoggiato m’ha fatto perdere l’entusiasmo e la passione in poco tempo, perché la tendenza di coloro che fanno politica – salvo rarissimi casi – è di parlare bene dei giovani senza poi valorizzarli come si dovrebbe. Forse però la colpa è semplicemente stata mia perché non ho voluto attraversare quel sottilissimo confine che separa l’attività politica svolta per passione dalla costante e insaziabile brama di potere. Nel ruolo di elettore attivo invece la curiosità e l’attenzione verso i vari partiti, le loro strategie di governo ed i loro programmi non si è sopita, tanto che ho deciso di voler concludere i miei studi di comunicazione pubblica e sociale con questa tesi di laurea che mira ad analizzare i due massimi esponenti delle coalizioni di centrosinistra e centrodestra (Romano Prodi e Silvio Berlusconi) in due dei momenti chiave della campagna elettorale 2006: i dibattiti televisivi trasmessi su Rai Uno, ovvero le due puntate di “Faccia a Faccia” del 14 marzo 2006 e del 3 aprile 2006 condotte rispettivamente da Clemente J. Mimun e Bruno Vespa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlusconi
comunicazione
dibattito politico
elezioni politiche
linguaggi politici
linguaggio
linguaggio politico
mimun
politica
politichese
politici in televisione
prodi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi