Skip to content

L'arte dello spazio, la decorazione tra simbolismo, secessione e metafisica

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Fratini
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: decorazione
  Corso: Corso di decorazione del prof. Celestino Ferraresi
  Relatore: Anna Maria Damigella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 629

Le decorazioni che ho selezionato sono principalmente fregi pittorici, mosaici e affreschi figurativi eseguiti tra la fine dell' '800 e la prima metà del '900. Un arco di tempo molto vasto all' interno del quale si sono succeduti movimenti artistici concatenati tra loro: il Simbolismo, le Secessioni, la Metafisica e il Surrealismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Le decorazioni che ho selezionato sono principalmente fregi pittorici, mosaici e affreschi figurativi eseguiti tra la fine dell’ ‘800 e la prima metà del ‘900. Un arco di tempo molto vasto all’ interno del quale si sono succeduti movimenti artistici concatenati tra loro: il Simbolismo, le Secessioni, la Metafisica e il Surrealismo. La teoria ideista di Aurier e la pittura visionaria e onirica dei simbolisti confluiranno nella realtà straniante del metafisico de Chirico, la cui pittura dall’ effetto collage e dall’ oggetto perturbante influì in modo decisivo sull’evoluzione pittorica del surrealista Magritte, artista che fondò sull’accostamento incongruo e poetico degli oggetti la sua pittura. Ogni decorazione, pur ascrivibile a una stessa corrente artistica, fu affrontata in modo diverso e personale da artisti altrettanto diversi sul piano pittorico ma profondamente vicini per concezione e temperamento. Per sottolineare queste sotterranee corrispondenze ho inserito nei vari capitoli due differenti approcci alla Decorazione: pittori come de Chirico, Ettore de Maria Bergler e Amedeo Bocchi che si cimentarono in decorazioni uniche ritornando poi alla pittura da cavalletto e decoratori professionisti come Burne Jones, Puvis de Chavannes e Klimt che dedicarono la loro vita alla decorazione totale. Non è stato difficile quindi creare un filo rosso che collegasse i vari artisti, raggruppati per affinità tematiche o stilistiche nei vari capitoli. Non ho seguito una successione cronologica delle decorazioni, accostando spesso artisti della stessa tendenza artistica che rivelano però grandi differenze pittoriche. E’ il caso dei simbolisti Puvis de Chavannes e Redon. Inoltre ho focalizzato alcuni aspetti tecnici e formali delle decorazioni parietali proposte: decorazioni che rivestono uno spazio diventando spazio a loro volta, grazie alla perfetta assonanza tra le varie parti o che ne modificano la struttura per renderla esteticamente gradevole. Lo spazio neutro e vuoto di un ambiente può definire se stesso grazie alle forme simboliche con cui la decorazione dà forma allo spazio: un fregio perimetrale o una semplice linea sinuosa di una modanatura già marcano lo spazio. La decorazione può esaltarlo, allora esso sarà predominante e fisserà le forme: vedremo ad esempio il fregio di Beethoven di Klimt in cui l’artista enfatizza il bianco della parete affidando ad esso valenze simboliche. Al contrario la decorazione può espandersi e dominare lo spazio, creando una sorta di labirinto dinamico in cui lo spazio della parete si frammenta: è sempre Klimt che lo esprime nell’altro fregio, quello per il palazzo Stoclet dove i rami spiraliformi dell’albero musivo imprigionano lo spazio della scena. Emergerà anche un altro aspetto della decorazione, forse il più importante: il rispetto dello spazio dato e la conformità della raffigurazione con la funzione del luogo: Nel primo caso la parete essendo una superficie, non deve accogliere alcun illusionismo spaziale, la sua bidimensionalità deve sempre emergere. Nel secondo caso vedremo l’importanza del soggetto in rapporto alla destinazione dell’ambiente e al suo committente . Ad esempio i soggetti più adatti per il salone di Villa Igea a Palermo, dove i clienti aristocratici erano allietati dalle sue decorazioni murali di Ettore de Maria Bergler con donne leggiadre che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affreschi
arte dello spazio
decorazione
decorazioni
fregi pittorici
metafisica
mosaici
simbolismo
surrealismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi