Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Porting di un sistema di traduzione automatica da Quintus Prolog a SWI-Prolog

Porting da Quintus a SWI-Prolog; elaborazione e comprensione del linguaggio naturale; sistema di traduzione automatica LMT

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Nella seguente relazione viene illustrato il lavoro da me svolto presso la società Synthema s.r.l. di Pisa, fornitrice di prodotti e soluzioni software avanzate. Tale azienda si prefigge di superare le barriere linguistiche e scoprire i benefici che si possono ricavare dal trattamento del linguaggio naturale attraverso lo sviluppo di prodotti e soluzioni per la traduzione automatica e assistita, a partire dagli strumenti per la creazione e la gestione della terminologia, ai sistemi per la traduzione automatica, appositamente studiati per aumentare la produttività e garantire la coerenza e l'uniformità di stile e terminologia. A tale scopo l’azienda s’interessa del trattamento di testi espressi in "linguaggio naturale", che costituisce una delle maggiori aree di sviluppo dell’ Information Technology, utilizzabile in campi che vanno dal riconoscimento del parlato al controllo della sua correttezza, alle interfacce in linguaggio naturale, dai Sistemi di Traduzione Automatica ai Sistemi di Supporto alle Decisioni, alle applicazioni nate nell'ambito dell'Intelligenza Artificiale. Tali prodotti hanno un’interfaccia C che racchiude in sé le funzioni principali di input ed output o meglio di lettura delle frasi da sottoporre a traduzione o analisi e di scrittura delle frasi tradotte o analizzate; mentre la vera e propria elaborazione delle proposizioni viene effettuata in area Prolog, attraverso il lancio di un Work Space. Il lavoro realizzato è stato quello di Porting da Quintus Prolog a SWI Prolog, cioè di modifica del codice già esistente e della sua compilazione e verifica in SWI Prolog; ma anche il lancio di un Work Space con il quale mettere in relazione il nuovo codice alle già esistenti interfacce C sviluppate per i prodotti commerciali della società. Nello specifico si è trattato di un lavoro su un totale di circa 92.930 righe di codice. Il lavoro di Porting è stato dettato principalmente dalla necessità di diminuire i tempi di elaborazione in ambiente Prolog, nonché dal bisogno di abbattere i costi di sviluppo andando ad usare un compilatore open source, come è lo SWI Prolog, invece di un compilatore a pagamento, qual è il Quintus.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Valentina Bucci Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 768 click dal 15/11/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.