Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’attività dell’Ufficio Stampa, tra comunicazione pubblica e politica: il caso del Comune di Macerata

La tesi si occupa di due aspetti della comunicazione delle pubbliche amministrazioni nei confronti dei cittadini, quello politico e quello istituzionale che, nonostante un importante corpus legislativo che si è sviluppato negli anni, finiscono per sovrapporsi, anziché rapportarsi ed integrarsi.
In questo caso la comunicazione, anche se c’è, non è completa: il cittadino finisce inevitabilmente per essere declinato solo nella sua veste di elettore, e non sa se chi gli parla persegue fini di interesse generale, o soltanto propagandistici.
A partire da una esperienza di stage, si presenta poi il caso dell’Ufficio stampa del Comune di Macerata. Analizzando alcune delle attività di comunicazione che esso svolge, si evidenzieranno le differenze e le sinergie che si sviluppano fra comunicazione pubblica e politica, con notevoli conseguenze al livello dell’informazione al cittadino.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Da sempre gli Stati comunicano con i cittadini. Anche se effettuata essenzialmente attraverso regolamenti e provvedimenti coercitivi, la comunicazione tra vertici governativi e comunità è alla base anche della più semplice fra le forme di vita associata. Le origini di una vera e propria comunicazione pubblica sono rintracciabili però solo con la progressiva affermazione dello Stato liberale e delle moderne democrazie: il popolo è sovrano, e per partecipare al governo deve essere almeno formalmente cosciente dell’operato delle amministrazioni statali, a loro volta non più impegnate a compiacere il principe ma a soddisfare l’interesse pubblico. Ma, poiché “la comunicazione è un comportamento consistente in uno scambio di informazioni basato su un codice” 1 , due nuovi elementi entrano pesantemente in gioco: il ruolo attivo dei riceventi e la necessità di un linguaggio comune. Non è sufficiente, dunque, la mera pubblicità degli atti, ma è necessario che le amministrazioni promuovano un reale contatto con i cittadini, tenendo conto delle loro esigenze e opinioni, e che utilizzino lo stesso loro linguaggio. In questo modo, 1 G. Fornari, La Nuova Comunicazione Pubblica, Il Sole 24 Ore, 2004.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Chiara Mantini Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 15/11/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.