Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Equazione di Korteweg-deVries: teoria ed applicazioni

Questa tesi approfondisce la teoria e le applicazioni dell'equazione di Korteweg-deVries.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il concetto di onda solitaria fu introdotto nella nascente scienza dell'idrodinamica ben oltre cento anni fa da John Scott Russell; nel suo articolo "Report on waves" pubblicato nel 1844 egli descrive così la sua sensazionale scoperta: "I was observing the motion of a boat which was rapidly drawn along a narrow channel by a pair of horses, when the boat suddenly stopped - not so the mass of water in the channel which it had put in motion; it accumulated round the prow of the vessel in a state of violent agitation, then suddenly leaving it behind, rolled forward whit great velocity, assuming the form of a large solitary elevation, a rounded, smooth and well-defined heap of water, which continued its course along the channel apparently without change of form or diminution of speed. I followed it on horseback, and overtook it still rolling on at a rate of some eight or nine miles an hour, preserving its original figure some thirty feet long and a foot to a foot and a half in height. Its height gradually diminished, and after a chase of one or two miles I lost it in the windings of the channel. Such, in the month of August 1834, was my first chance interview with that singular and beautiful phenomenon which I have called the Wave of Translation, a name which it now very generally bears." All'inizio, tale rivelazione di Russell fronteggiò grande ostilità e scetticismo da parte delle persone influenti della comunità scientifica dei suoi tempi. Furono due studiosi olandesi, Diederik Johannes Korteweg e Gustav de Vries, a risolvere tale questione definitivamente; nel 1895 pubblicarono l'articolo "On the change of form of long waves advancing in a rectangular canal, and on a new type of long stationary waves" [1], nel quale introdussero la seguente equazione differenziale: )(1 x3 1 3 2 2 1 x g 2 3 t 2 2 2       ∂ η∂ σ+αη+η ∂ ∂ = ∂ η∂ λ

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Ilenia Bartolucci Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1437 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.