Skip to content

La stabile organizzazione nel diritto interno

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Libré
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Marello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 412

I rapporti giuridici sembrano diventare sempre più complessi in un mercato internazionale caratterizzato dalla tendenza delle aziende a delocalizzare la produzione in Paesi dove il costo del lavoro, e la normativa tributaria, le rendono più competitive.
La conclusione di accordi commerciali si accompagna sovente alla non facile scelta delle modalità operative più idonee a trasferire all’estero una funzione aziendale, ovvero a penetrare efficacemente mercati stranieri.
In tale contesto il ruolo della stabile organizzazione risulta peculiare nell’ambito della soluzione di problematiche insite alla pianificazione fiscale.
La stabile organizzazione, peraltro, è una delle figure più controverse del diritto tributario, anche in considerazione del fatto che prima della riforma fiscale di cui al D.Lgs. 12 dicembre 2003, n. 344, non era codificata nell’ordinamento italiano, ed è quindi rimasta per lungo tempo un’entità non ben definita.
La presente trattazione ripercorre l’evoluzione della nozione di “stabile organizzazione”, fino all’esegesi del nuovo articolo 162 del Testo Unico delle imposte sui redditi.
Durante l'analisi si è tentato di mantenere un approccio critico, sia nel coordinamento della nuova norma col diritto comunitario e con le norme pattizie, nell’ottica di risolvere le numerose fattispecie concrete emerse, sia in relazione alle questioni giuridiche relative all’ambito di applicazione dell’art. 162 T.U.I.R.
Ci si è inoltre interrogati sulla effettiva portata della riforma fiscale, in termini di vantaggi operativi post codificazione della stabile organizzazione, ovvero, alternativamente, in termini di permanenza di alcune criticità irrisolte.
La trattazione comprende sia l'ambito delle imposte dirette che quello delle imposte indirette.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE Le imprese italiane sono coinvolte da diversi anni in un processo d’integrazione internazionale, favorito dalla crescente presenza di partner commerciali stranieri in Italia, e dall’intenzione di usufruire delle opportunità offerte dai mercati mondiali. La tendenza delle aziende a delocalizzare la produzione in Paesi dove il costo del lavoro, e la pressione fiscale, le rendono più competitive è un dato di fatto. La conclusione di accordi transnazionali, del resto, consente agli operatori nazionali di superare alcuni limiti propri del mercato domestico, e di avviare iniziative imprenditoriali qualitativamente e quantitativamente più allettanti. Tali condizioni sono favorite altresì dalla cosiddetta “globalizzazione”, di cui si parla ormai da tempo in quanto fenomeno che contraddistingue il nostro periodo storico, e di cui la dinamica evoluzione dei mercati è solo uno degli aspetti. 1 In questo contesto non è facile comprendere quali siano le modalità operative, e le scelte economicamente più strategiche per l’impresa, al fine di trasferire all’estero una funzione aziendale, ovvero penetrare efficacemente mercati stranieri. Tali scelte, tra l’altro, dovrebbero essere ponderate in relazione agli strumenti offerti, ed alle regole imposte, dal nostro ordinamento giuridico vigente. L’espansione all’estero di una società commerciale può realizzarsi con modalità 1 La “globalizzazione” indica la crescente interdipendenza tra i Paesi sotto molteplici punti di vista, non soltanto in termini economici, ma anche politici e sociali. Lo spazio geografico si riduce, grazie all’elevata velocità dei mezzi di comunicazione, dei flussi d’informazione e dei mezzi di trasporto. Cfr. J. Baylis – S. Smith, The Globalization of World Politics. An Introduction to International Relations, Oxford University Press, 1997.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

commentario ocse
convenzioni
doppia imposizione
fiscalità internazionale
internazionalizzazione
libertà stabilimento
localizzazione reddito
ocse
residenza
riforma tributaria
stabile organizzazione
tassazione reddito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi